Papa Francesco: «Roma incanta ma non sempre è dignitosa, deve accogliere e non scartare»

Il monito del Pontefice nell'omelia dei Vespri

Papa Francesco: «Roma incanta ma non sempre è dignitosa, deve accogliere e non scartare»

Papa Francesco, il monito durante l'omelia dei Vespri: «Roma è una città meravigliosa, che non finisce di incantare; ma per chi ci vive è anche una città faticosa, purtroppo non sempre dignitosa per i cittadini e per gli ospiti, una città che a volte sembra scartare».

Leggi anche > Rissa e feriti al funerale di una parente: scoppia la lite per l'eredità

«L'auspicio allora è che tutti, chi vi abita e chi vi soggiorna per lavoro, pellegrinaggio o turismo, tutti possano apprezzarla sempre più per la cura dell'accoglienza, della dignità della vita, della casa comune, dei più fragili e vulnerabili. Che ognuno possa stupirsi scoprendo in questa città una bellezza che direi 'coerente', e che suscita gratitudine», le parole del Pontefice.

«A Roma sembra che tutti si sentano fratelli; in un certo senso, tutti si sentono a casa, perché questa città custodisce in sé un'apertura universale. Oso dire: è la città universale. Le viene dalla sua storia, dalla sua cultura; le viene principalmente dal Vangelo di Cristo, che qui ha messo radici profonde fecondate dal sangue dei martiri, cominciando da Pietro e Paolo» - ha spiegato Papa Francesco - «Ma anche in questo caso, stiamo attenti: una città accogliente e fraterna non si riconosce dalla 'facciata', dalle parole, dagli eventi altisonanti. No. Si riconosce dall'attenzione quotidiana, 'feriale' a chi fa più fatica, alle famiglie che sentono di più il peso della crisi, alle persone con disabilità gravi e ai loro familiari, a quanti hanno necessità ogni giorno dei trasporti pubblici per andare al lavoro, a quanti vivono nelle periferie, a coloro che sono stati travolti da qualche fallimento nella loro vita e hanno bisogno dei servizi sociali, e così via. È la città che guarda ad ognuno dei suoi figli, ad ognuno dei suoi abitanti, anzi, ad ognuno dei suoi ospiti». 

«Lo stupore cristiano non trae origine da effetti speciali, da mondi fantastici, ma dal mistero della realtà: non c'è nulla di più meraviglioso e stupefacente della realtà! Un fiore, una zolla di terra, una storia di vita, un incontro... Il volto rugoso di un vecchio e il viso appena sbocciato di un bimbo. Una mamma che tiene in braccio il suo bambino e lo allatta. Il mistero traspare lì».

Lo ha detto il Papa nell'omelia dei Vespri. Il Papa sottolinea che il primo ad essere «colmo di stupore» è il cuore di Maria, «ma senza ombra di romanticismi, di sdolcinatezze, di spiritualismi. No. La Madre ci riporta alla realtà, alla verità del Natale, che è racchiusa in quelle tre parole di San Paolo: 'nato da donna'».

Papa Francesco ha anche richiamato al valore della solidarietà, ancora più necessaria in questo tempo segnato dal Covid. «Questo tempo di pandemia ha accresciuto in tutto il mondo il senso di smarrimento. Dopo una prima fase di reazione, in cui ci siamo sentiti solidali sulla stessa barca, si è diffusa la tentazione del 'si salvi chi può'. Ma grazie a Dio - sottolinea il Pontefice nell'omelia dei Vespri - abbiamo reagito di nuovo, con il senso di responsabilità. Veramente possiamo e dobbiamo dire 'grazie a Dio', perché la scelta della responsabilità solidale non viene dal mondo: viene da Dio; anzi, viene da Gesù Cristo, che ha impresso una volta per sempre nella nostra storia la 'rottà della sua vocazione originaria: essere tutti sorelle e fratelli, figli dell'unico Padre». 


Ultimo aggiornamento: Venerdì 31 Dicembre 2021, 18:17
© RIPRODUZIONE RISERVATA