Paola Comencini e il conto choc in un bar di Roma: «75 euro, un covo di ladri»

Paola Comencini e il conto choc in un bar di Roma: «75 euro, un covo di ladri». E mostra lo scontrino

Che Roma sia una delle città più turistiche del mondo, è fuori dubbio: e spesso a farne le spese sono i cittadini romani o chi nella Capitale ci vive per studio o lavoro. Quello che è successo a Paola Comencini però va oltre: la scenografa e costumista, figlia dello storico regista Luigi e sorella di Francesca e Cristina, anch’esse registe di successo, ha postato tutto sul suo profilo Facebook.
 
 


Da senzatetto incinta a donna d'affari: «Dormivo in strada, ora ho aziende da un milione di euro»

Insieme ad altre due persone, la Comencini è andata in un bar in zona Vaticano (via della Conciliazione): «Eravamo al lavoro, non avevamo alternative e siamo finite in questo covo di ladri», ha raccontato. I tre hanno ordinato un piatto a testa di prosciutto e melone, una mezza minerale e due lattine di Coca Cola: al modico prezzo di 25 euro a testa.
 

Ovviamente, di sentirsi sazi nemmeno l’ombra: «Abbiamo una fame tremenda - ha scritto Paola, molto arrabbiata - Il prosciutto citato erano due minuscole fettine. Mi fanno pena i turisti». Il dettaglio dei prezzi, come si vede nello scontrino postato sul social, è sconcertante: 15 euro per il cibo, 6 euro per la Cola, 3,50 euro per una bottiglia d’acqua da mezzo litro. E dulcis in fundo, quasi 11 euro per il servizio. Prezzi che più che fuori mercato, sono fuori di testa.

I responsabili del bar, contattati al telefono, non hanno voluto al momento rilasciare dichiarazioni. 
Martedì 11 Giugno 2019, 16:23
© RIPRODUZIONE RISERVATA