Omicidio Willy, due ragazze erano con i fratelli Bianchi quando sono stati chiamati: «Ci hanno portato al locale e poi sono spariti»

Omicidio Willy, due ragazze erano con i fratelli Bianchi quando sono stati chiamati: «Ci hanno portato al locale e poi sono spariti»

La sera prima dell'omicidio di Willy i fratelli Bianchi si erano appartati con due 17enni che hanno raccontato la loro versione dei fatti. Le ragazze spiegano di aver passato una prima parte della serata con i due fratelli e un amico, ma a un certo punto sono stati chiamati e sono andati nel locale in cui si è poi consumata la tragedia. 

 

Leggi anche > Strage Mottarone, l'inchiesta si allarga: altri 11 indagati. Ecco chi sono

 

«Dopo circa cinque minuti ricordo che Marco, Gabriele e V. tornavano verso l’auto, e a quel punto ricordo che Marco mi diceva di scendere subito insieme alle mie amiche, senza darmi una spiegazione. Mentre andavo via con le mie amiche, ho visto un ragazzo di colore, riverso a terra, sul marciapiede», racconta una delle due 17enni, come riportato da La Repubblica. Le ragazze si erano appartate con i fratelli nei pressi del cimitero quando hanno ricevuto una telefonata in cui gli veniva chiesto di raggiungere qualcuno in un posto, a quel punto sono saliti tutti in macchina e sono andati nel locale di piazza Oberdan a Colleferro.

 

Nessuna delle due però sostiene di aver visto il pestaggio, tutte e due hanno capito subito che stava succedendo qualcosa, che c'era un litigio, ma solo dopo diverso tempo hanno capito cosa fosse successo. «Abbiamo visto riverso in terra un ragazzo di colore, steso sul marciapiede e tanta gente intorno a lui», hanno ammesso spiegando che per tutto il tempo sono rimaste dentro la vettura. Poi quando i fratelli Bianchi sono tornati in auto hanno detto loro di scendere, senza dare nessuna spiegazione e sono andati via a gran velocità.


Ultimo aggiornamento: Sabato 3 Luglio 2021, 14:57
© RIPRODUZIONE RISERVATA