Neonato muore mentre la mamma lo allatta: choc al San Camillo di Roma

di Simone Pierini
Un neonato è morto tra le braccia della mamma mentre lo allattava all'ospedale San Camillo di Roma. È successo mercoledì 13 febbraio. Era nato da solamente un giorno e all'improvviso ha smesso di respirare. Nato prematuro di tre settimane, il piccolo stava bene. Poi da un momento all'altro la tragedia. La procura ha aperto un'inchiesta per omicidio colposo dopo la denuncia dei genitori. Nessun indagato, per il momento. Il pm ha disposto il sequestro della cartella clinica. Tra le ipotesi al vaglio anche quella che si tratti di una morte bianca, un fenomeno a cui la comunità scientifica non sa dare una spiegazione precisa.  

Neonato resta senza ossigeno durante il parto e muore, l'ospedale si scusa così con i genitori

Bimba di 22 mesi picchiata dal compagno della madre perché piangeva

«Vogliamo rivolgere le sentite condoglianze ai genitori del neonato deceduto a poche ore dalla nascita presso l'ospedale San Camillo di Roma. La struttura ospedaliera è a completa disposizione della Magistratura per le verifiche dell'accaduto e ci auguriamo che al più presto si faccia piena chiarezza». Così, in una nota, l'Assessorato alla Sanità e l'Integrazione Sociosanitaria della Regione Lazio. 

Il neonato aveva tutti i parametri a norma e non presentava alcuna problematica. Anche nelle analisi precedenti al parto il bimbo si mostrava perfettamente sano. Era nato di 2 kg sotto peso e secondo quanto denunciato dai genitori non sarebbe stato trasferito nell'incubatrice. L'autopsia è in programma per lunedì. 
Ultimo aggiornamento: 23:28 © RIPRODUZIONE RISERVATA