Neonata morta in casa, aveva ferite alla testa. Mamma ai domiciliari, domani l'interrogatorio dal gip

Roma, neonata morta in casa, aveva ferite alla testa. Mamma ai domiciliari, domani l'interrogatorio dal gip

Neonata morta in casa a Vitinia, domani la mamma della bimba, una donna di 30 anni, di origini svedesi, verrà sentita da gip nell'ambito dell'interrogatorio di convalida e garanzia: la donna, da alcuni mesi arrivata in Italia dalla Germania dove risiedeva col compagno, attualmente è ai domiciliari. Si era difesa dicendo di non sapere di essere incinta, giustificando le ferite sul corpo della piccola come successive al parto: la neonata aveva infatti diverse ferite e un profondo trauma cranico.

Leggi anche >
«​Il corpo della piccola era martoriato, scene da horror»

La bimba è morta ieri in ospedale, dove è arrivata sabato già in gravissime condizioni: la Procura di Roma indaga ora per omicidio. Secondo quando ricostruito finora a dare l'allarme è stata la nonna della piccola che, entrata nella stanza della figlia ha visto la neonata a terra avvolta in un asciugamano e con il cordone ombelicale, ancora non reciso. I pm affideranno nelle prossime ore l'incarico per l'autopsia per stabilire la causa delle ferite riscontrate sul corpo della neonata. Le indagini puntano a far luce anche sul contesto familiare in cui è avvenuta la tragedia.
Ultimo aggiornamento: Martedì 21 Gennaio 2020, 15:43
© RIPRODUZIONE RISERVATA