Rocca di Papa, arrivati i migranti tensione davanti al centro

  • 3
    share
Arrivati a Rocca di Papa verso le 22.30 di martedì i primi 50 migranti della Diciotti dopo una giornata in viaggio in bus dalla Sicilia fino alle colline dei Castelli Romani dopo un'odissea che dura da più di dieci giorni e che potrebbe essere finita. In forte ritardo il secondo pullman, costretto a fermarsi a Salerno per la rottura del radiatore e giunto a destinazione dopo le 2.
 
 


Nel Cas Mondo Migliore era tutto pronto da ore. Ad attenderli alcune decine di persone. Da una parte i militanti di Casapound, che ne hanno contestato l'arrivo. Dall'altra decine di residenti con cartelli con la 'Welcomè. Sul posto ingente schieramento delle Forze dell'Ordine. «Voi non siete dei Castelli, che siete venuti a fare?» hanno detto i residenti ai giovani di destra della Capitale.

I migranti, tutti eritrei, rimarranno pochi giorni all'interno del centro. Dopo che il pullman è entrato nella struttura, le due opposte fazioni hanno continuato ad intonare cori. Casapound, Fratelli d'Italia e Forza Nuova hanno sventolato bandiere tricolore proseguendo a cantare l'inno d'Italia ed urlando frasi contro i migranti. L'altro gruppo, formato da cittadini ed esponenti del mondo Antagonista, ha intonato Bella Ciao. Sul posto molte pattuglie delle forze dell'ordine ed un blindato.


Per cento dei migranti che erano a bordo della nave Diciotti si sono aperte le porte del centro di prima accoglienza Mondo migliore. Gli altri 39 naufraghi sono rimasti invece nel hotspot di Messina in attesa di essere trasferiti in Irlanda e Albania, nazioni che hanno dato la disponibilità ad accoglierli. Una storia che ha commosso tanti, compreso Papa Francesco che ha voluto vedere i video-choc dei lager libici per comprendere tutto l'orrore.




I profughi resteranno pochi giorni all'interno del centro e poi verranno accolti dalle Diocesi in Italia che hanno dato disponibilità. A confermarlo è anche il sindaco di Rocca di Papa, Emanuele Crestini: «Siamo stati rassicurati - ha detto - dalla Cei e dalla Caritas che quegli ospiti saranno ricollocati in pochi giorni e che ci sono disponibilità ben superiori al numero necessario».

I migranti, quasi tutti eritrei, hanno viaggiato a bordo di due pullman privati, scortati dalla polizia. Ma quella dei cittadini rocchigiani non è stata un'accoglienza facile. Davanti al centro sono giunte due diverse fazioni: da un lato i militanti di estrema destra contrari all'arrivo dei profughi con bandiere tricolore, tra cui esponenti di Casapound e Forza nuova, e dall'altro un gruppo di cittadini pro migranti che esponeva cartelli Welcome e urlava slogan antifascisti. I momenti di tensione non sono mancati e due gruppi si sono fronteggiati ognuno intonando cori. Le preoccupazioni riguardano soprattutto un gruppo di abitanti di Tre Coni, frazione del comune dove c'é un grande centro residenziale con villette, le cui mura di cinta confinano con quelle del centro, dove attualmente ci sono già 270 migranti circa. «È un problema di numeri - spiega Andrea - non siamo contro gli extracomunitari, ma la grossa quantità rispetto agli abitanti qui crea sofferenze.

In questa frazione ci sono circa 1.500 residenti e molti lamentano episodi di degrado e sporcizia provocati proprio dalle persone che provengono dal centro». Ieri i residenti della zona si sono riuniti per fare il punto della situazione in vista dell'arrivo dei nuovi ospiti del centro. La scorsa notte, dicono, è persino comparso uno striscione che qualcuno è riuscito a fotografare, dove si chiedeva al Papa di «portarli a San Pietro». A schierarsi con il fronte del 'nò ai nuovi ospiti è anche Pasquale Boccia, ex sindaco del paese, candidato in passato con il Pd e con alle spalle 10 anni di amministrazione: «c'é rancore nei residenti, che si sta trasformando in odio verso questa situazione. Non si può tenere un gruppo così massiccio di migranti senza fare nulla». Un'altra cittadina, una pensionata di 62 anni, denuncia di essere stata molestata due mesi fa da un ospite del centro davanti a casa sua.

Il presunto molestatore, un 29/enne gambiano, dopo essersi denudato e scappato, fu rintracciato e arrestato dai carabinieri. «Non è possibile che gli ospiti del centro, le cui mura di cinta confinano con le nostre case - spiega - siano lasciati a vagabondare per strada o ubriacarsi». Nella parte alta di Rocca di Papa, al centro del paese, gli abitanti invece si dicono «tranquilli, noi non abbiamo mai avuto problemi ma è pur vero che siamo più distanti da centro». La struttura 'Mondo migliorè da due anni accoglie i migranti ed è dotata di 600 posti letto, anche se fino a ieri ospitava 270 persone. All'interno ci sono una chiesa e una moschea, scuole di italiano per stranieri e gli ospiti spesso vengono impiegati per svolgere alcune attività del centro. Nei corridoi ci sono anche alcune foto giganti: tra queste, alcune immagini testimoniano i segni delle torture che alcuni ospiti portano sulla loro pelle.

Martedì 28 Agosto 2018 - Ultimo aggiornamento: 29-08-2018 17:31
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
DALLA HOME