Max Biaggi assolto dalle accuse di evasione fiscale. Procura aveva chiesto condanna a un anno

Max Biaggi assolto dalle accuse di evasione fiscale. Procura aveva chiesto condanna a un anno

Incubo finito per Max Biaggi, ex campione del mondo di motociclismo, che è stato assolto oggi dall'accusa di evasione fiscale - con la formula «perché il fatto non sussiste» dal giudice monocratico di Roma. Per il centauro romano, ora 47enne, la Procura aveva sollecitato la condanna ad un anno di reclusione per un'evasione di 18 milioni di euro: una vicenda risalente al dicembre del 2012.

Segna Icardi, Wanda Nara scatenata contro Adani e Trevisani. Poi cancella la story

Secondo quanto scrive il pm Giancarlo Cirielli, nella richiesta di rinvio a giudizio il quattro volte campione della classe 250 «al fine di sottrarsi al pagamento delle imposte sui redditi e sul valore aggiunto e degli interessi e sanzioni amministrative relativi a dette imposte di ammontare complessivo di 17,852.261, 95 euro, compiva atti fraudolenti consistiti nel trasferimento della propria residenza nel Principato di Monaco e nell'affidare lo sfruttamento dei suoi diritti di immagine, derivanti dai contratti di sponsorizzazione con la società Dainese Spa, a società di capitale...con sedi a Londra, Montecarlo e Madrid, idonei a rendere in tutto inefficace il recupero delle somme dovute al fisco». Il giudice ha però respinto le richieste del pm assolvendo Biaggi.


Ultimo aggiornamento: Lunedì 20 Maggio 2019, 15:46
© RIPRODUZIONE RISERVATA