Roma, gli studenti delle scuole ebraiche ringraziano Mattarella con uno striscione: «Ci è stato vicino»

Roma, gli studenti delle scuole ebraiche ringraziano Mattarella con uno striscione: «Ci è stato vicino»

Questa mattina gli studenti delle scuole ebraiche di Roma hanno affisso uno striscione fuori dal Palazzo della Cultura

«Grazie presidente Mattarella», è la frase che campeggia su uno striscione affisso questa mattina dagli studenti delle scuole ebraiche di Roma fuori dal Palazzo della Cultura - sede delle scuole della comunità ebraica di Roma - al Portico D’Ottavia. Il tutto nel giorno in cui cominciano le votazioni per eleggere il nuovo presidente della Repubblica.

 

Leggi anche > Quirinale, prima votazione (dalle 15) senza accordo: attesa una valanga di schede bianche

 
«Il nostro gesto nasce con l’intento di  ringraziare il presidente Mattarella per il lavoro di questi anni. La sua difesa della Costituzione, dei valori antifascisti e la sua vicinanza al mondo della scuola sono stati un faro sui valori che come cittadini di domani vogliamo portare avanti», si legge in una nota della Comunità Ebraica di Roma.

 

«Da giovani ebrei - continua la nota - non possiamo dimenticare il suo impegno contro ogni forma di antisemitismo, anche mascherato da antisionismo, e l’aver ricordato nel suo discorso d’insediamento il piccolo Stefano Gaj Tachè, ucciso da terroristi palestinesi nell’attentato alla sinagoga del 1982. Abbiamo sempre sentito la sua vicinanza e ora, nel momento in cui termina il suo mandato, volevamo far sentire noi a lui la nostra». 


Ultimo aggiornamento: Lunedì 24 Gennaio 2022, 13:59
© RIPRODUZIONE RISERVATA