Maker Faire 2020, la fiera dell'innovazione diventa digitale e gratuita. Oltre 300 stand virtuali, tra robot e opere d'arte
di Paolo Travisi

Maker Faire 2020, la fiera dell'innovazione diventa digitale e gratuita. Oltre 300 stand virtuali, tra robot e opere d'arte

Maker Faire 2020 si trasforma in digitale. La più grande fiera europea dedicata ai makers, coloro che producono innovazione, non si ferma. Se la pandemia ha costretto a cancellare ogni evento in presenza, l'ottava edizione di Maker Faire rilancia con un'esperienza interamente digitale: quattro giorni dedicati all'innovazione, dal 10 al 13 dicembre, in cui visitare virtualmente gli oltre 300 stand dei makers e partecipare alle oltre 100 conferenze stampa

"Quest'anno Maker Faire si svolgerà sui vostri pc e smartphone, sarà un'edizione digitale e gratuita" ha detto nella conferenza stampa in streaming, Lorenzo Tagliavanti, Presidente Camera di Commercio Roma, organizzatore di Maker Faire 2020 "negli anni la manifestazione è divenuta un punto di riferimento per il mondo dell'innovazione, siccome abbiamo fiducia nel futuro, andiamo avanti anche in queste condizioni, nonostante le prove complicate. Maker Faire non è solo un luogo di esposizione dell'innovazione, ma anche un appuntamento per le imprese del territorio che incontrano l'innovazione". 

Le scorse edizioni fisiche, hanno visto crescere, anno dopo anno, il numero dei visitatori, tanto che "nel 2019 sono stati superati 100 mila visitatori" ha detto Luciano Mocci, Presidente di Innova Camera, "ma in questi mesi durissimi, ci siamo resi conto dell'importanza della digitalizzazione, forse l'unica cosa positiva della pandemia è stata proprio la spinta all'innovazione", motivo che ha spinto gli organizzatori di Maker Faire a realizzare una piattaforma digitale dedicata, che non è la semplice traslazione on line della manifestazione fisica, così come si è consolidata nel tempo. 

"Abbiamo lavorato ad una piattaforma interattiva, dove gli espositori saranno tutti dal vivo, senza nessuna registrazione, e i visitatori potranno entrare ed interagire direttamente con i 300 makers - ha sottolineato Alessandro Ranellucci - Coordinatore dei contenuti di Maker Faire Rome. Tanti i temi e le aree presenti a Maker Faire 2020, "robotica, intelligenza artificale, temi sempre più presenti a Maker Faire, non manca la sezione Maker Art, 40 artisti provenienti da tutto il mondo, con opere digitali, l'area Maker Music, curata da Alex Braga con artisti anche molto noti, in cui si studia l'impatto della tecnologia sulla creatività".

Presente alla conferenza virtuale anche il Ministro per l'innovazione, Paola Pisano, che ha sottolineato la collaborazione, come elemento di unicità di Maker Faire: "non esistono tanti luoghi dove c'è spazio per tanti soggetti diversi, i makers, messi insieme per condividere scoperte progetti pratici - ha detto Paola Pisano - dobbiamo puntare sulla connettività per tutti, servono tecnologie inclusive ed una formazione adeguata, senza più accettare l'analfabetismo digitale".

"Quest'anno avremmo superato quei numeri, ma ogni crisi deve essere letta per risolvere il problema ed andare oltre, Maker Faire, l'ha risolta brillantemente con gli stand virtuali. Non dobbiamo fermare il progresso, ma usare i nostri ingegni per ridisegnare la società, il fatto che Maker Faire sia qui, ci fa capire quanto l'innovazione possa aiutare ogni settore", ha detto nel suo intervento dal Campidoglio, Virgina Raggi, sindaca di Roma, 

"Promuoviamo costantemente in Acea una cultura d'innovazione" ha aggiunto Michaela Castelli, Presidente Acea, "le soluzioni innovative sono destinate ad aumentare, ma devono essere aperte ed inclusive nei confronti della società. Dobbiamo trovare la giusta misura tra spinta al progresso, bisogni delle persone e sostenibilità ambientale". Acea nel corso di Maker Faire 2020, presenterà il progetto Smart Comp ed un'app, per sensibilizzare al risparmio idrico. C’è poi Romebylight, che nasce dalla volontà, in vista delle prossime festività natalizie, di valorizzare le luminarie natalizie di Via del Corso a Roma. Lo scopo del contest è premiare chi riesce a rappresentare e valorizzare al meglio, attraverso delle fotografice, l’atmosfera natalizia creata dalle luminarie artistiche. 

Eni, main partner per il settimo anno consecutivo della “Maker Faire Rome - The European Edition”, in questa edizione racconterà l’impegno aziendale, "per una just transition, una transizione energetica che contribuisca a preservare l’ambiente, dare accesso all’energia a tutti e che sia socialmente equa" ha detto Luisa Lavagnini, Responsabile Research & Technological Innovation Eni. Nel corso della fiera, Eni, presenterà JUST (Join Us in a Sustainable Transition), un programma di iniziative rivolte ai fornitori Eni, di oggi e di domani, per coinvolgerli nella trasformazione dell’azienda e JOULE, la Scuola di Eni per l’Impresa, appena avviata.

Come partecipare a Maker Faire

E' sufficiente disporre di un pc, tablet o smartphone per collegarsi al sito makerfairerome.eu/it/, profilarsi e navigare per conoscere tutte le aree tematiche, gli stand virtuali visitabili, i giorni e gli orari degli incontri live. Durante la navigazione, si potranno assegnare like, condividere contenuti, chattare con i maker e gli espositori, porre domande per conoscere meglio i progetti esposti.

Conferenza di apertura

Come ogni edizione di Maker Faire 2020, è l'opening conference a dare il via alla manifestazione,il tiitolo di quest'anno è “Re:Make the World, together”, anche questo evento sarò gratuito e on line, giovedì 10 dicembre dalle ore 18 alle 20), e si prevede l'intervento del Ministro per gli Affari Esteri, Luigi Di Maio e Ministro dell’Università e della Ricerca, Gaetano Manfredi. 


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 2 Dicembre 2020, 14:56
© RIPRODUZIONE RISERVATA