«Salviamo la Locanda dei Girasoli», la petizione conquista il web: in migliaia firmano l'appello

«Salviamo la Locanda dei Girasoli», la petizione conquista il web: in migliaia firmano l'appello

L'appello per salvare la Locanda dei Girasoli a Roma, lanciata dal padre di una delle dipendenti su Change.org, sta conquistando il web. Ad una settimana ha raccolto quasi 100mila firme.  

Il ristorante è stato il fiore all'occhiello dei progetti di integrazione sociale sin dalla sua apertura, nel 1999: all'interno lavorano undici dipendenti con sindrome di Down o autistici. Una di questi è proprio Anna Tagliabue, figlia dell'autore della petizione.

I firmatari chiedono alla sindaca di Roma Virginia Raggi di trovare una proposta adeguata a dare continuità a questo progetto di lavoro tra i tanti immobili a disposizione del Comune di Roma: nella sua posizione attuale, infatti, la Locanda rischia di chiudere.

Il locale che la ospita risulta assolutamente inadeguato, si trova in una zona periferica e residenziale, con una oggettiva difficoltà di accessibilità. Nonostante gli impegni presi sui media e in televisione, le Istituzioni non hanno mai dato risposte ai dipendenti della Locanda, la cui prima richiesta di intervento al Comune di Roma fu formulata già nel 2015 e poi rinnovata nel 2017.
Ultimo aggiornamento: 23 Gennaio, 12:29 © RIPRODUZIONE RISERVATA