Laurentina, conto alla rovescia per l'apertura del Centro Commerciale "Maximo"

Laurentina, conto alla rovescia per l'apertura del Centro Commerciale "Maximo"

Sale l'attesa nella Capitale per l'apertura del Centro commerciale “Maximo”, che porterà nel quartiere Laurentino grandi brand come Primark, il colosso dell'abbigliamento low cost, Pam, Decathlon ed Euronics.

 

Leggi anche > Roma Laurentina, cinquemila assunzioni per il nuovo centro commerciale

 

Un'opera da grandi numeri per il Centro commerciale, che si posizionerà tra i più grandi d'Italia, dove i clienti troveranno 158 esercizi commerciali e 96 negozi a cui si aggiungono la palestra McFit su una superficie da 2100 metri quadrati, il multisala Uci Cinema ed una clinica veterinaria, 30 ristoranti e ancora bar e caffetterie.

 

Complessivamente Maximo, di proprietà di LaParsec 6 SpA si sviluppa su una superficie di 60mila metri quadrati.

 

E' tutto pronto, la maggior parte degli esercizi commerciali sono già riforniti della merce per aprire e sono state realizzate le opere aggiuntive come un parcheggio multipiano, la viabilità pubblica interna ed esterna e una parte di piazza di 10mila metri quadrati già fruibile dai residenti della zona.

 

La realizzazione della piazza rientra negli accordi presi con il Campidoglio e ne manca da realizzare una parte, circa 5mila metri quadrati, per motivi di carattere tecnico già riconosciuti da Roma Capitale, che ha autorizzato la rimodulazione temporale dei lavori a luglio 2018.

 

La data di inaugurazione era stata fissata per il 28 ottobre ma per ora la Capitale dovrà aspettare. Non sarà possibile aprire a causa di un contenzioso, ora finito al Tar del Lazio, su cui LaParsec 6 SpA ha già chiarito che, in realtà, è tutto in regola per l'apertura ed ha confermato l'impegno alla realizzazione dell'ultima parte della piazza.

 

L'attesa dunque sale anche perché nei negozi di Maximo non ci saranno solo brand di grande attrazione e luoghi dove poter trascorrere il tempo, ma ci saranno anche qualcosa come 2500 persone a lavorare. Vale a dire oltre 1.500 addetti, per i quali l'assunzione in parte è stata già regolarizzata, ed almeno altri 1.000 occupati stimati nell’indotto.


Ultimo aggiornamento: Martedì 27 Ottobre 2020, 18:14
© RIPRODUZIONE RISERVATA