Hitler con la maglia della Roma: adesivi choc nella Capitale. L'ira del sindaco Gualtieri

In diversi quartieri di Roma oggi sono comparsi gli adesivi, è intervenuto il sindaco Gualtieri

Hitler con la maglia della Roma: adesivi choc nella Capitale. L'ira del sindaco Gualtieri

di Francesco Balzani

Un gesto di cattivo gusto e l’ennesimo accostamento tra ideologia di estrema destra e tifo, anche se il tifo in questo caso c’entra poco. In diversi quartieri di Roma oggi sono comparsi adesivi raffiguranti Adolf Hitler con la maglia della Roma, deturpando la segnaletica e rovinando segnaletica stradale e serrande di esercizi commerciali.  Nella Capitale si sono spesso visto episodi di questo tipo in passato. Stavolta si è però andati oltre, con un altro scempio dopo il caso della bandiera Roma Marcia Ancora comparsa in curva Sud (riferimento alla marcia su Roma del 28 ottobre 1922).

La denuncia del sindaco di Roma Gualtieri

Sono ignoti i vandali, ma - come riportato da Repubblica - dovrebbe trattarsi della frangia del tifo organizzato romanista di stampo fascista. Il sindaco di Roma Roberto Gualtieri ha commentato la vicenda con un tweet: «Una vera infamia gli adesivi raffiguranti Hitler con la maglia della Roma apparsi oggi in città, uno sfregio inaccettabile a pochi giorni dalla Giornata della Memoria. Ci siamo attivati per la loro immediata rimozione. Vergogna per gli autori».

 

La vicenda

La maglia è quella storica della Roma, con il collettone arancione e una famosa pasta come sponsor, ma il volto raffigurato è quello, tristemente inconfondibile, di Adolf Hitler. Adesivi rettangolari raffiguranti il dittatore nazista sono comparsi oggi in diversi quartieri di Roma su saracinesche e segnali stradali tra piazza Vescovio e il quartiere Trieste, ma anche a Talenti, Montesacro e al Tufello.

Il gesto degli adesivi con Hitler 'romanista' appare, anche per il sindaco Gualtieri, come un vero e proprio sfregio proprio perché arriva alla vigilia del Giorno della memoria, quel 27 gennaio che ricorda i milioni di ebrei vittime dell'Olocausto e la persecuzione e l'uccisione di sinti e rom, omosessuali e oppositori politici per mano dei nazisti.


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 25 Gennaio 2023, 21:02
© RIPRODUZIONE RISERVATA