Guidonia dice no alla violenza contro le donne con una fiaccolata e un lancio di palloncini rossi
di Emilio Orlando

Guidonia dice no alla violenza contro le donne con una fiaccolata e un lancio di palloncini rossi

«Guidonia non tacere». E' l'invito a denunciare, diventato lo slogan della manifestazione, organizzata nel comune tiburtino di ottanta seimila abitanti dell'hinterland romano, terzo nella regione Lazio per casi di violenza contro le donne. Centinaia di persone scenderanno in piazza per sensibilizzare gli abitanti su un tema così drammatico e allarmante della violenza e del femminicidio che vede nel nostro Paese una donna uccisa ogni 72 ore e che ne ha viste 109 uccise dall' inizio del 2021. Nella giornata mondiale contro la violenza, l'Associazione l'Onda, ha organizzato una fiaccolata che partirà questa sera alle ore 18,30 di si snoderà lungo le strade del centro, dalla stazione ferroviaria fino a piazza Matteotti, davanti al comune. «E' un iniziativa che serve a sensibilizzare tutti su un tema che vede Guidonia al terzo posto tra i comuni laziali per casi di violenza - commenta Roberto Cagnoni, presidente dell'Associazione l'Onda».

Prima ha colpito alle spalle la sorella con un coltello, bucandole un polmone.

 

«Aiuto, mamma sta male». Al 118 la drammatica voce di una ragazzina di 11 anni davanti al corpo della madre con il cranio fracassato.

Alla fiaccolata di questa sera, parteciperanno anche molti bambini, che scriveranno dei pensierini a tema sui palloncini che saranno lasciati salire verso il cielo. «Una iniziativa importante – spiega il presidente Cagnoni – che serve a non far sentire sola chi vive o ha vissuto in prima persona storie di maltrattamenti. Intendiamo - conclude dare forza  coraggio alle vittime e aiutarle a trovare una via di fuga».


Ultimo aggiornamento: Giovedì 25 Novembre 2021, 09:58
© RIPRODUZIONE RISERVATA