Fase 2, riaprono parrucchieri e centri estetici: ecco come proteggersi dal rischio contagio

Fase 2, riaprono parrucchieri e centri estetici: ecco come proteggersi dal rischio contagio

Con la fase 2 è possibile un piccolo ritorno alla normalità e molti, donne e uomini, coglieranno al volo l'occasione per tornare dal parrucchiere, barbiere e dall'estetista dopo tante settimane di "incuria". Ci saranno rigide regole che i vari titolari dovranno applicare per evitare assembramenti e contatti, ma cosa può fare un utente per limitare al massimo il rischio di contagio?

Leggi anche > Fase 2 a Roma, bar aperti ma pochi clienti: «C'è ancora clima di paura. Troppa confusione su linee guida»

Prima di tutto sarà interesse e obbligo dei centri estetici, non solo sanificare gli ambienti, ma anche obbligare ad indossare dispositivi di sicurezza e gel igienizzanti e usarli a propria volta. Si potrà andare solo su appuntamento e le liste degli appuntamenti dovranno rimanere nei registri per 14 giorni, al fine di segnalare eventuali casi e quindi di procedere ai conseguenti isolamenti.  Phon, caschi e altri attrezzi utilizzati in questi locali possono rappresentare un rischio per la diffusione del patogeno, pertanto vanno gestiti con buon senso e sanificati dopo ogni cliente. 

Leggi anche > Coronavirus, nel Lazio 39 nuovi positivi di cui 19 a Roma. «In terapia intensiva solo l'1% dei casi»

Per proteggersi sarà utile indossare mascherine ffp2, possibilmente senza valvola, mentre qualora se ne possedesse una con valvola sarebbe bene applicarne sopra una seconda chirurgica. Sarà buona norma igienizzarsi appena si entra nel locale, evitare di toccare il meno possibile le superfici del negozio e non mettersi mani negli occhi o toccare troppo la mascherina, poi quando si esce igienizzarle di nuovo.
Ultimo aggiornamento: Lunedì 18 Maggio 2020, 17:43
© RIPRODUZIONE RISERVATA