Enrico Montesano scrive a Leggo: «Profanare le tombe è una violenza atroce»
di Enrico Montesano

Enrico Montesano scrive a Leggo: «Profanare le tombe è una violenza atroce»

  • 35
    share
Era un libro di marmo bello spesso, fatto fare da mio padre con un pensiero come fosse stato scritto da noi, avevamo 8 anni io e 5 mio fratello. Il libro è stato poggiato per 65 anni! Accanto alle spoglie dei nonni materni. In questi 65 anni a nessuno era venuta voglia di trafugarlo per farne mercato, la soglia del degrado e del bisogno non si era abbassata a tanto. Vuol dire che oggi la situazione è al limite. Che siamo al peggio del peggio e invece di maggiori maggiori attenzioni e sorveglianza come rimedio c'è l'incuria, l'indifferenza e il menefreghismo.

Montesano e la tomba profanata, solidarietà trasversale: «A Roma non c'è rispetto neanche per i morti»
 
 


Mettiamo telecamere ovunque e si faccino guardianie efficienti, ronde notturne. “Profanare” una tomba, violare il rispetto che si deve ai morti è una violenza atroce. Infrangere il legame di sentimenti e ricordi che ci lega ai mostri cari defunti rubando da una tomba penso sia offesa gravissima. Violare e offendere luoghi ai quali sono dovuti venerazione e rispetto non lo possiamo tollerare. Non possiamo tacere. Lasciarci andare alla rassegnazione, come succede per molti aspetti della nostra vita sociale, se è errore grave in generale, nella fattispecie è esiziale. No all’assuefazione, alla sopportazione come se tutto ciò sia ineluttabile. No! Le cose possono cambiare, facendo leva sui sentimenti migliori degli italiani. Ama riscuote Ama provveda. Se dimentichi di pagare la luce perpetua, con solerzia ed efficienza te la staccano, siate efficienti sempre allora. Ama, servizi cimiteriali, meno sperperi, uso appropriato delle risorse. Cosa aspettiamo e cacciare i cialtroni? A cancellare le concessioni, il commercio oscuro di tombe e loculi? Aspettiamo che crolli il Ponte e ci siano i morti? Qui i morti già ci sono...rispettateli e “sbrigateve”! Dobbiamo poter andare a trovare i nostri morti senza paure di scippi. Ama Servizi cimiteriali, mo faccio ‘na battuta. Anche se non ho l’umore giusto: i servizi so morti ce so’ rimasti solo i cimiteriali. Queste cose, come scippi e furti (insieme al degrado, sporcizia... assenza di giardinieri) accadono da anni nel silenzio generale. Cari cialtroni che amministrate: non parlarne, “non significa che non accadano!”.
Martedì 11 Settembre 2018 - Ultimo aggiornamento: 14:10
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2018-09-11 13:00:24
mi spiace... un furto ai vivi e' ignobile, ma rubare ai morti è indegno di un essere umano. ti saluto con affetto.
2018-09-11 11:15:42
benvenuto in Italia
DALLA HOME