Elicottero nel Tevere, a bordo un ex pilota dell'Alitalia e una donna. Recuperati i due corpi

di Emilio Orlando
Elicottero precipitato nel Tevere. Sono riprese alle prime luci dell'alba le ricerche dell'elicottero che ieri pomeriggio è precipitato nel Tevere tra le province di Roma e Rieti, all'altezza della Riserva Naturale Tevere-Farfa, vicino al ristorante "Piccolo paradiso" nel territorio del Comune di Nazzano. Secondo le prime ipotesi potrebbero essere due le persone che erano a bordo del velivolo. Si tratterebbe del pilota, un uomo di 78 anni, romano, ex pilota Alitalia che custodiva l'elicottero in una villa con pista d'atterraggio a Torrita Tiberina e di una seconda persona, una donna.

È stato estratto il primo corpo dall'elicottero precipitato ieri nel Tevere a Nazzano, vicino Roma. Si tratta di un uomo. Lo si apprende da fonti investigative. Sono ora in corso le operazioni per recuperare la seconda persona a bordo che sarebbe una donna. A coordinare le operazioni i carabinieri della compagnia di Monterotondo delegati dalla procura di Rieti. Poco dopo è stato recuperato anche il secondo corpo.
 
 




Il velivolo è stato individuato nella serata di ieri da vigili del fuoco e carabinieri, con l'aiuto di un Remotely Operated Vehicle (Rov), e la zona circostante è stata perimetrata con delle boe. Intanto è mistero sull'origine e la destinazione del volo terminato con uno schianto dopo l'urto con i cavo dell'alta tensione. A bordo il pilota Domenico Carrera, di 78 anni, di cui da ieri si sono perse le tracce, imprenditore in pensione con l'hobby del volo, e una donna non ancora identificata. 
Ultimo aggiornamento: Sabato 11 Luglio 2020, 14:52
© RIPRODUZIONE RISERVATA