Elia 17 Baby, trapper romano fermato per tentato omicidio dopo una rissa a Olbia

Elia 17 Baby, trapper romano fermato per tentato omicidio dopo una rissa a Olbia

I carabinieri hanno fermato per tentato omicidio il 26enne romano Elia Di Genova, trapper noto col nome di 'Elia 17 Baby'. Sarebbe stato lui, nella notte tra sabato e domenica, ad accoltellare un 35enne di Sassari sulla spiaggia di Marinella a Olbia. La vittima è stata colpita con un coltello alla schiena e ora rischia la paralisi. Dopo una prima discussione tra il sassarese e altri amici con un gruppo di giovani romani, sarebbe scoppiata una rissa dove, tra calcio e pugni, è spuntato il coltello.

Piero Angela, al funerale il discorso commovente del figlio Alberto: «Mi ha insegnato a non aver paura della morte» VIDEO

I testimoni hanno descritto Di Genova come responsabile e il cantante trap aveva subito fatto perdere le sue tracce. I carabinieri del Reparto territoriale di Olbia assieme ai colleghi di Porto Rotondo e Porto Cervo hanno scoperto che 'Elia 17 Baby' si era rifugiato in un alloggio a Cannigione (Arzachena) per poi nascondersi in un hotel di Porto Cervo, ospite di un amico. Lì lo hanno rintracciato e sottoposto a fermo per tentato omicidio su indicazione del Procuratore della Repubblica di Tempio, Gregorio Capasso, che coordina le indagini. Adesso Di Genova si trova nel carcere sassarese di Bancali. 


Ultimo aggiornamento: Martedì 16 Agosto 2022, 17:03
© RIPRODUZIONE RISERVATA