El Shaarawy denunciato per lesioni, richiesta l'archiviazione: «Il ladro d'auto è inattendibile»

El Shaarawy denunciato per lesioni, richiesta l'archiviazione: «Il ladro d'auto è inattendibile»

Chiesta l'archiviazione per Stephan El Shaarawy, denunciato per lesioni dal ladro della sua auto. «Gli elementi raccolti nel corso delle indagini preliminari dimostrano la scarsa attendibilità della ricostruzione dei fatti fornita dalla persona offesa e nessuna delle ipotesi investigative esplorate si rivela dotata dei necessari e sufficienti riscontri fattuali e logici». Queste le motivazioni della procura che ha avanzato al gip la richiesta di archiviazione.

 

Leggi anche > Sciopero Alitalia, i manifestanti tolgono il blocco alla Roma-Fiumicino: traffico verso la normalità.

 

El Shaarawy, chiesta l'archiviazione

Il 28enne attaccante della Roma è stato accusato di lesioni dal cileno che aveva provato a rubargli la Lamborghini il 12 febbraio scorso.   Il cileno, condannato a un anno e sei mesi di reclusione per il tentato furto dell'auto del 'Faraone', secondo la sua versione dei fatti, prima di essere fermato dagli agenti, sarebbe stato inseguito e picchiato dal calciatore della Roma, che era da poco tornato nella capitale dopo la parentesi sportiva in Cina.  

 

El Shaarawy, chiesta l'archiviazione

Una vicenda controversa poiché il cileno in un primo momento aveva presentato un certificato con una prognosi di pochi giorni per poi presentarne un altro in un secondo momento con 60 giorni. Dopo gli accertamenti svolti e ritenendo non credibile l'accusatore è stata chiesta al gip l'archiviazione della posizione dell'attaccante che in sede di interrogatorio aveva spiegato come il cileno cercando di scappare non accorgendosi della presenza di un dislivello nel marciapiedi, era inciampato cadendo a terra e impattando anche con il viso.  

 

El Shaarawy, chiesta l'archiviazione

Una volta bloccato, anche alla presenza dei due passanti, il calciatore ha raccontato che l'uomo aveva iniziato a darsi schiaffi e pugni all'altezza del viso e delle costole, facendo sempre una forte resistenza. Inoltre dopo aver visionato le fotografie delle lesioni riportate dal cileno e allegate alla denuncia, l'attaccante aveva ribadito di non aver mai usato violenza e di averlo consegnato alle forze dell'ordine «in condizioni certamente differenti da quelle rappresentate nelle foto». Inoltre come riportato nella richiesta di archiviazione le dichiarazioni rese dai quattro testimoni sentiti sono «tutte tra loro coerenti e uniformi» e hanno fatto emergere «una ricostruzione dei fatti diametralmente opposta a quella narrata» dal cileno.


Ultimo aggiornamento: Venerdì 24 Settembre 2021, 22:42
© RIPRODUZIONE RISERVATA