Morto Diabolik: chi era l'ultrà laziale ucciso a Roma

Roma, morto Diabolik: chi era Fabrizio Piscitelli, l'ultrà laziale ucciso a Roma

Dalla «conquista» della Curva Nord al tentativo di scalata della Lazio, dall'arresto per traffico di droga al sequestro di due milioni di euro da parte della Guardia di Finanza. E poi iniziative ispirate all'antisemitismo e agli ambienti dell'estrema destra che frequentava. La carriera criminale di Fabrizio Piscitelli, conosciuto con il soprannome di Diabolik, prende il via oltre 20 anni fa prima ancora della sua affermazione, nei primi anni Duemila, a guida degli Irriducibili, il gruppo ultras più oltranzista della Curva Nord della Lazio.

L'AGGUATO MORTALE IN UN PARCO DI ROMA

Nel 2013 venne arrestato dopo un mese di ricerche in un appartamento alla periferia di Roma, dove si nascondeva dalla Guardia di Finanza. L'accusa nei suoi confronti era quella di essere a capo di un gruppo criminale che gestiva un traffico di droga internazionale lungo l'asse Italia-Spagna. Nel covo venne trovato anche un arsenale che avrebbe potuto essere utilizzato per gli scontri allo stadio. Due anni dopo, nel 2015, fu condannato, insieme ad altri tre capi ultrà della Curva Nord, per il tentativo di scalata alla Lazio. Un'inchiesta che coinvolse anche l'ex leggenda biancoceleste, Giorgio Chinaglia. Nel 2016 le Fiamme Gialle gli sequestrarono beni per due milioni di euro, compresa la sua villa a Grottaferrata. Un immobile che poi fu soggetto a revoca della confisca da parte della Cassazione. Il nome di Diabolik è legato a tante altre azioni messe a segno dagli Irriducibili, gruppo ultrà vicino agli ambienti di estrema destra e autore di una lunga contestazione nei confronti dell'attuale presidente della Lazio, Claudio Lotito.

Il 30 gennaio del 2000, in occasione di Lazio-Bari nell'annata dello scudetto vinto da Sven Goran Eriksson, fecero il giro del mondo le immagini dello striscione esposto in Curva nord in «onore alla tigre Arkan». Il riferimento era a Zeljko Raznatovic, criminale di guerra serbo accusato di genocidio e crimini contro l'umanità, morto in quei giorni. Due anni fa proprio gli Irriducibili finirono nella cronaca per aver affisso adesivi di chiaro stampo antisemita che ritraevano Anna Frank con la maglia giallorossa nella Curva Sud dei cugini romanisti. E, appena un anno fa, fece scalpore un volantino, a firma del sedicente «direttivo Diabolik Pluto» (due capi ultrà), che vietava alle di stare nelle prime dieci file della Curva Nord, considerato un «luogo sacro» della tifoseria biancoceleste. «Chi sceglie lo stadio come alternativa alla spensierata e romantica giornata a Villa Borghese - era l'accusa - andasse in altri settori».

Mercoledì 7 Agosto 2019, 19:59
© RIPRODUZIONE RISERVATA