Coronavirus a Roma, il contagio del poliziotto collegato al concerto al Forum di Assago. «C'erano giovani da tutta Italia»

Coronavirus a Roma, il contagio del poliziotto collegato al concerto al Forum di Assago. «C'erano giovani da tutta Italia»

Il caso di contagio di coronavirus a Pomezia, il poliziotto risultato positivo ai test insieme a tutta la sua famiglia, con la sospensione delle lezioni sia al liceo frequentato dal figlio sia per quanto riguarda il corso all'università La Sapienza frequentata dalla figlia, potrebbe essere collegato ad un concerto tenutosi al Forum di Assago, a Milano. Lo scrive sui social l'Assessorato alla Sanità e all'integrazione socio sanitaria della Regione Lazio. 

Leggi anche > Coronavirus, Ivo Cilesi morto a 61 anni: era fra i massimi esperti di Alzheimer in Italia, curava i malati con la doll therapy

L'indagine epidemiologica effettuata sui casi di Pomezia, collegati all'agente di polizia ricoverato allo Spallanzani, «evidenzia un link epidemiologico con l'evento del 14 Febbraio al Forum di Assago. La sequenza temporale dell'esordio dei sintomi e l'analisi sierologica depongono per contatto non autoctono ma derivante dalla Lombardia», scrive l'assessorato. «Il contact racing nel quale vengono riportati nel dettaglio contatti, trasporti e soggiorni è stato immediatamente messo a disposizione del ministero della Salute, come da protocollo», conclude la nota.

 

 
IIl Forum di Assago, installazione specializzata in gare di basket e hockey, e in concerti medi e grandi, si trova alle porte di Milano. Il 14 febbraio scorso si è tenuto un concerto degli Jonas Brothers, una band americana di grande successo composta da tre ragazzi idoli delle teenagers, nominati ai Grammy Awards e dalle vendite di platino. Il concerto fa parte dell'Happiness Begins Tour 2019, che prevede come unica data in Italia proprio il Mediolanum Forum. I giovani che hanno affollato la serata, quindi, provenivano da tutta Italia. 

LEGGI ANCHE 

Coronavirus a Roma, 12 casi. In 98 sotto esame: «Contatti con il poliziotto in pronto soccorso»

di Flavia Scicchitano
Dopo le Regioni del nord Italia anche Roma inizia ad avere paura: sono saliti a 12 i casi di contagio da Coronavirus nella capitale e in Provincia. Un agente della Polizia di Stato è ricoverato all'Istituto per le malattie infettive Lazzaro Spallanzani di Roma, insieme alla coppia di cinesi (ormai negativizzata), alla famiglia residente a Fiumicino e a un nuovo caso positivo con un link epidemiologico Veneto. L'agente di polizia, fa sapere l'ospedale, ha una polmonite bilaterale interstiziale però non è grave. Positivi anche la moglie, i due figli e una cognata, sottoposti a sorveglianza sanitaria domiciliare da parte della Asl competente. Ma la paura è schizzata allo zenit quando, sempre ieri, sono state richiamate 98 persone al pronto soccorso di Tor Vergata per un possibile contatto con il poliziotto contagiato. L'ultimo caso romano riguarda un giovane allievo Vigile del fuoco dell'87° Corso, proveniente da Piacenza, in sorveglianza nella caserma di Capannelle a Roma. A rassicurare sul boom di casi è l'assessore alla Sanità del Lazio, Alessio d'Amato: «Non abbiamo focolai autoctoni».

Intanto a Pomezia, Comune a sud di Roma, in via precauzionale sono state sospese le attività didattiche del Liceo Pascal, frequentato da uno dei figli del poliziotto affetto da Covid-19, e le lezioni del Corso di Laurea in Informatica dell'Università Sapienza di Roma, canale AL, frequentato dall'altro figlio. Una direttiva dell'Agenzia per l'insegnamento francese all'estero, comunicata dal Liceo Chateaubriand di Roma ai genitori degli alunni - suscitando forti proteste in quanto discriminatoria e arbitraria - domanda invece ai ragazzi che provengono da Cina (Hong Kong e Macao), Giappone, Singapore, Corea del sud, Veneto e Lombardia di non rientrare a scuola fino all'espletamento delle due settimane di quarantena.

E se riapre domani la chiesa di San Luigi dei Francesi nel centro di Roma per rischio di contagio escluso, dopo che un sacerdote francese era stato trovato positivo al coronavirus a Parigi, chiuderà fino al 30 aprile il ristorante cinese Hang Zhou dell'Esquilino frequentato da vip e politici: «I clienti sono pochissimi e anche i collaboratori hanno chiesto una pausa», spiega la titolare.
riproduzione riservata ®
 


Ultimo aggiornamento: Martedì 3 Marzo 2020, 13:35
© RIPRODUZIONE RISERVATA