Coronavirus, finita la quarantena per gli italiani alla Cecchignola: «Torniamo a casa, siamo virus free»

Coronavirus, dopo 17 giorni di isolamento i primi italiani rimpatriati da Wuhan che hanno trascorso il periodo di quarantena nella cittadella militare lasciano la Cecchignola. «Siamo gli unici italiani virus free. Al giovane positivo allo Spallanzani faccio tanti auguri. E agli altri italiani che arriveranno nei prossimi giorni qui in quarantena dico che sono in una botte di ferro». Ha detto Paolo, 50 anni di Modena, non appena uscito dalla città militare.

Una gioia condivisa da tutto il gruppo che ha chiesto di non essere ripreso dalle telecamere «perché da domani torneremo alle nostre vite e non vogliamo essere guardati come persone potenzialmente nocive agli altri. Stiamo bene, lo attestano tutti i controlli e lo stesso certificato che ci hanno rilasciato, vogliamo proteggerci dai pregiudizi».

«Si chiude un periodo pesante di preoccupazione e tensione. Siamo contenti che sia finita bene». Dicono all'Ansa i genitori di una delle persone alla Cecchignola. Molti parenti degli italiani che hanno concluso la quarantena stanno attendendo i propri cari all'esterno della città militare di Roma. 

LA VISITA DEI MINISTRI SPERANZA E GUERINI

I ministri della Difesa e della Sanità, Lorenzo Guerini e Roberto Speranza, hanno fatto visita questo pomeriggio al gruppo di 55 italiani rimpatriati da Wuhan che, finito l'isolamento, possono lasciare la città militare della Cecchignola dove sono in quarantena dallo scorso 3 febbraio. «Ci tenevamo ad esseri qui per abbracciarli a nome del governo e degli italiani», hanno commentano i ministri. «È una bella emozione abbracciare i nostri connazionali riportati in Italia da Whuan», ha scritto su Facebook Speranza. «Oggi finiscono la quarantena alla Cecchignola - ha aggiunto - e tornano in tutta sicurezza alla loro vita. Lo stato ha fatto fino in fondo il suo dovere. Grazie a tutte le donne e a tutti gli uomini che hanno lavorato a questa operazione».
Ultimo aggiornamento: Giovedì 20 Febbraio 2020, 19:26
© RIPRODUZIONE RISERVATA