Nyman, Marcorè, Timi, Sobral: I Concerti nel Parco ricominciano dai grandi nomi tra musica, teatro e performance
di Stefania Cigarini

Nyman, Marcorè, Timi, Sobral: I Concerti nel Parco ricominciano dai grandi nomi tra musica, teatro e performance

Michael Nyman con l’unica data romana di “Piano solo”, poi Neri Marcoré, Lino Guanciale, Maurizio Lastrico, Gonzalo Rubalcaba e Aymée Nuviola, Giovannni Guidi nel tributo a Gato Barbieri, il debutto romano di Salvador Sobral.

 


Malgrado lo slogan, #ricominciamodaqui, e le intenzioni della direttrice artistica Teresa Azzaro - “Ricominciamo a vivere la nostra solita, ordinaria, banale vita quotidiana” - la 31esima edizione de I concerti nel parco (4 luglio-2 agosto 2021, parco della Casa del Jazz, Roma), ha una “playlist” davvero speciale.  

 


«La programmazione è stata immaginata, ripensandoci a ritroso, con la speranza, giorno dopo giorno, di esserci lasciati il peggio alle spalle. E quindi c’è leggerezza, ma anche contenuto» aggiunge Azzaro.
Undici eventi previsti, tutte nuove produzioni a cavallo tra musica, teatro e danza, molte date uniche e in prima assoluta o prima a Roma. Eccoli:

 


Neri Marcoré (domenica 4 luglio - prima romana) con “Di mare e di vento” viaggio nella musica di Gianmaria Testa, omaggio al musicista scomparso seguendo le tracce del suo libro “Da questa parte del mare”. Neri Marcorè (voce e chitarra) sarà accompagnato da Stefano Cabrera al violoncello e Domenico Mariorenzi al pianoforte e alla chitarra.

 

Gonzalo Rubalcaba e Aymée Nuviola (martedì 6 luglio - prima romana) con “Vento y tiempo” e la musica che scorre nelle strade dell’Avana per due musicisti acclamati in tutto il mondo e vincitori di Grammy

 

 

Maurizio Lastrico (venerdì 9 luglio - prima romana) con “Nel mezzo del casin di nostra vita” celebrazione dei 700 anni dalla morte di Dante per il più stralunato dei nostri comici accompagnato, in questo divertente viaggio nella “Commedia”, dal quartetto vocale femminile, le Glorius 4

Michale Nyman (martedì 13 luglio - unica data a Roma) in “piano solo”. Mito vivente della musica contemporanea non necessita di presentazioni. Porta alcuni grandi classici del suo catalogo, brani tratti dagli album Piano Sings e Piano Sings 2 ed alcuni inediti presenti nel nuovo lavoro discografico di prossima uscita

 

Giovanni Guidi (sabato 17 luglio) accompagnato dal quintetto d’eccezione formato da James Brandon Lewis, Brandon Lopez, Chad Taylor e Francisco Mela e da Gianluca Petrella, omaggia Gato Barbieri con “Ojos de Gato” a 40 anni dalla pubblicazione di The Third World (1970), che molti considerano uno dei primi esempi dell’incontro 

 

Lino Guanciale (martedì 20 luglio - prima a Roma) per “Fuggi la terra e l’onde”, spettacolo tra teatro e musica che spazia da Joseph Conrad ad anonimi cronisti arabi, da detti e credenze di popoli diversi ad alcuni celeberrimi canti dell’Eneide

 

Dyamandu Costa e Martín Sued (domenica 25 luglio) “Tra Tango e Choro, omaggio ad Astor” è l’omaggio ai cento anni di nascita di Piazzolla da parte del chitarrista e del bandoneista, virtuosi del genere e internazionalmente conosciuti.

 


Salvador Sobral (mercoledì 28 luglio - debutto a Roma) in “Ver meu amor” una avvincente nuova idea di fado, che è insieme pop e jazz, per lo spettacolo di uno degli artisti più internazionali del Portogallo (ha vinto l’Eurovision Song Contest 2017). Con lui sul palco  André Rosinha (contrabbasso) e Bruno Pedroso (batteria),  André Santos (chitarre), Abe Rábade (pianoforte) e Leo Aldrey (tastiere ed effetti).

 

Filippo Timi (sabato 31 luglio - prima assoluta) in “Sciarada”, insieme ad un quartetto di giovani: l’attore e rapper Giovanni Onorato, l’attore e polistrumentista Claudio Iarena, il batterista Mario Russo, il producer e sound engineer Lorenzo Minozzi. Il progetto, ancora work in progress, giocherà su diversi piani drammaturgici e sonori. 

 

La Compagnia del Balletto di Roma (domenica 1 agosto - prima a Roma) intraprende un nuovo viaggio nelle suggestioni e nelle sonorità del tango, in occasione del centenario della nascita di Astor Piazzolla con la nuova produzione “Astor, un secolo di tango”. Con il bandoneonista Mario Stefano Pietrodarchi, le coreografie di Valerio Longo, la regia di Carlos Branca.

 


L’Orchestra di Piazza Vittorio (lunedì 2 agosto - prima assoluta) chiude la rassegna all’insegna del ritmo con “Dancefloor” uno show in cui la musica, il ritmo e il ballo saranno di nuovo gli unici protagonisti e che rappresentano un ritorno alle origini e contemporaneamente un salto nel futuro.

 

 


CASA DEL JAZZ, viale di Porta Ardeatina 55 - Roma; info 06.5816987 - 339.8041777, info@iconcertinelparco.it, www.iconcertinelparco.it. ORARIO  21 (prescrizioni anticovid);  BIGLIETTI: 4 ,6, 13 luglio da 25 a 20 euro+ dp; 20, 31 luglio e 1, 2 agosto da 20 a 16 euro + dp; 9, 17, 25 e 28 luglio da 18 a 15 euro + dp. 

Inserita nell’ Estate Romana, sostenuta dal Ministero della Cultura, dalla Regione Lazio e da Roma Capitale, l’edizione 2021 de I concerti nel parco è realizzata in collaborazione con Casa del Jazz/Fondazione Musica per Roma.


Ultimo aggiornamento: Martedì 8 Giugno 2021, 18:33
© RIPRODUZIONE RISERVATA