«Vediamo quando muori»: le minacce choc dei no-vax a Claudia Alivernini, la prima vaccinata

«Vediamo quando muori»: le minacce choc dei no-vax a Claudia Alivernini, la prima vaccinata

I no-vax vanno all'attacco a suon di insulti e minacce choc contro Claudia Alivernini, la prima vaccinata in Italia. «E ora vediamo quando muori», è uno dei commenti più feroci e velenosi che sono piovuti sui social della giovane infermiera dello Spallanzani. Lo riferisce il Messaggero in un pezzo a firma di Alessia Marani. 

 

Coronavirus in Italia, il bollettino di martedì 29 dicembre: 659 morti e 11.212 casi in più. Oltre 17mila guariti

 

 

Gli hater del web, o meglio i soliti leoni della tastiera, sono andati a cercare la pagina Facebook di Claudia Alivernini e si sono scatenati vomitando insulti e minacce che hanno costretto la ragazza 29enne a chiudere la sua pagina per meglio difendere se stessa e la sua famiglia. La giovane infermiera sarebbe anche pronta a denunciare gli hater.

 

 

Claudia Alivernini è romana e lavora presso il reparto malattie infettive dello Spallanzani. Laureata in scienze infermieristiche alla Sapienza di Roma, lavora come infermiera all'Istituto Spallanzani in un reparto di malattie infettive. Ha dato anche la disponibilità per lavorare nelle unità mobili Uscar e questo l'ha portata, oltre all'esperienza in reparto, anche presso i domicili delle persone anziane che avevano bisogno. Nonostante l'intensa attività lavorativa in reparto e nelle Uscar sta proseguendo il suo percorso formativo in un master in infermieristica forense.

 

«Con profondo orgoglio e grande responsabilità ho fatto il vaccino, un piccolo gesto ma fondamentale per tutti noi. L'ho fatto come cittadina ma soprattutto come infermiera a rappresentare la mia categoria è tutto il personale sanitario», ha detto Claudia Alivernini, con un sorriso molto più forte dell'odio scaricatole addosso dagli hater del web.


Ultimo aggiornamento: Martedì 29 Dicembre 2020, 17:15
© RIPRODUZIONE RISERVATA