Roma choc, spara con una balestra al compagno della madre: operato con un dardo infilzato nel rene

L'aggressore è un ragazzo di 28 anni ed è stato arrestato: si trova nel carcere di Rebibbia

Roma choc, spara con una balestra al compagno della madre: operato con un dardo infilzato nel rene

Un ragazzo di 28 anni è stato arrestato a Castel Madama. L'accusa è: tentato omicidio. Ha sparato oggi pomeriggio con una balestra al compagno della madre: un uomo italiano di 50 anni che ora è ricoverato al policlinico Agostino Gemelli di Roma. Le sue condizioni sono molto gravi: si trova in sala operatoria per l'estrazione del dardo che gli è arrivato dritto sul rene, trapassandolo in parte. 

La freccia scagliata dal ventottenne lo ha letteralmente infilzato. L'uomo si è accasciato per terra e ha cominciato a perdere molto sangue. Un tiro molto preciso, dunque. E anche un uso abituale dell'arma. Ad allertare i soccorsi è stata la compagna della vittima e madre dell'aggressore: è una cinquantenne sarda trasferitasi nel paese da pochi giorni insieme al figlio. 

L'uomo è stato trasportato al Gemelli con un elicottero perché le sue condizioni sono apparse subito disperate. Sul caso indagano i carabinieri coordinati dalla procura di Tivoli e il ragazzo si trova nel carcere di Rebibbia. L'aggressione si è verificata oggi pomeriggio in via delle Gorghe, a Castel Madama, un comune di settemila abitanti che sorge nella valle dell'Aniene, compreso nella città metropolitana di Roma e situato a est, poco dopo Tivoli. Non è chiaro il movente: i carabinieri stanno ricostruendo l'accaduto e approfondendo i dissapori tra i due. 


Ultimo aggiornamento: Venerdì 15 Aprile 2022, 19:19
© RIPRODUZIONE RISERVATA