Roma, nuovo blitz contro i Casamonica: 23 arresti per spaccio e usura

Roma, nuovo blitz contro i Casamonica: 23 arresti per spaccio e usura

Nuovi blitz dei carabinieri contro presunti appartenenti al clan Casamonica e nuovo attacco alla mafia di Roma. I militari del Comando provinciale di Roma stanno eseguendo 23 misure cautelari, emesse dal gip di Roma su richiesta della procura di Roma, nei confronti di appartenenti alle famiglie Casamonica, Spada e Di Silvio, tra cui 7 donne. Gli indagati sono ritenuti responsabili, a vario titolo, di estorsione, usura, intestazione fittizia di beni, spaccio di stupefacenti. Reati in buona parte commessi con l'aggravante del metodo mafioso. 
 
 


Le indagini che hanno portato alla nuova operazione sono la prosecuzione dell'operazione Gramignache la scorsa estate fece scattare misure nei confronti di altri 37 appartenenti al clan. L'operazione è scattata all'alba e ha visto all'opera circa 150 carabinieri del comando provinciale di Roma con l'ausilio di unità cinofile e del peronale dell'ottavo reggimento Lazio. Perquisizioni e arresti sono in corso a Roma, in provincia e in altre regioni italiane.

Nel corso delle perquisizioni questa mattina sono stati rinvenuti beni per 400 mila euro. In tema di esigenze cautelari il gip scrive che «nel caso di specie non risulta acquisito alcun elemento che autorizzi a ritenere che le esigenze cautelari potrebbero essere salvaguardate mediante una misura diversa dalla custodia cautelare in carcere, soprattutto per quanto sopra valutato circa la persistenza delle esigenze cautelari, anzi sono stati acquisiti diversi eventi che depongono in sensi esattamente contrario».
 

Ultimo aggiornamento: 14:04 © RIPRODUZIONE RISERVATA