Casa Papanice deturpata: «Sta cadendo a pezzi». L'appello alla regina Rania di Giordania
di Domenico Zurlo

Casa Papanice deturpata: «Sta cadendo a pezzi». L'appello alla regina Rania di Giordania

Casa Papanice è universalmente considerata un simbolo dell'architettura postmoderna italiana: in piedi dalla fine degli anni '60 per volere dell'imprenditore Pasquale Papanice, committente dell'opera, l'edificio si trova nel centro di Roma, in via Giuseppe Marchi 1/b al Nomentano, costruito dall'archistar Paolo Portoghesi. Ora è in pericolo: la villa non versa infatti in buone condizioni e necessita di una ristrutturazione, che però - almeno ad oggi - gli attuali proprietari non hanno intenzione di completare. E non sono proprietari qualsiasi: Casa Papanice è infatti attualmente la sede dell'ambasciata del Regno di Giordania.

Fonte d'ispirazione per artisti e set di numerosi film negli anni '70, tra cui Dramma della gelosia di Ettore Scola e Lo strano vizio della signora Wardh di Sergio Martino, Casa Papanice fu dedicata dal suo primo proprietario proprio al cinema, che amava profondamente. La casa è caratterizzata dai suoi balconi cilindrici, che la rendono unica nel suo genere: tanto che nel già citato Dramma della gelosia, la protagonista Monica Vitti chiedeva
«Ma che so tutte ste canne?» (video qui in basso).
 


Morto Papanice, la casa venne prima venduta alla Casa Editrice Giunti, poi divenne appunto ambasciata del Regno di Giordania. L’allarme sulle condizioni attuali è stato lanciato ai media da Edmondo Papanice, nipote dell’imprenditore Pasquale nonché presidente dell’associazione Halp (Humanitarian Aid Life Programs), che da due anni porta in giro la mostra ‘L’Italia del boom, tra mura d’artista e fotogrammi d’autore’ per celebrare l'edificio: pochi giorni fa lo stesso Papanice ha scritto una lettera alla regina Rania di Giordania in persona, per sensibilizzarla sulla vicenda (qui il testo completo).
 
 


LA LETTERA ALLA REGINA Il successo della mostra, scrive Papanice nella sua lettera, «ha acceso i riflettori sulle gravi condizioni in cui versa l’edificio, attualmente privato dei suoi principali elementi architettonici. Per quanto dispiaciuto delle critiche negative dell’infausta decisione di privare l’opera architettonica delle sue principali componenti per una manutenzione priva di qualunque senso logico e distruggendo così uno dei simboli italiani dell’architettura post-moderna e meta di visitatori da tutto il mondo (studenti , architetti, ingegneri, appassionati d’arte e cultura), è incomprensibile come mai la vostra Ambasciata non abbia considerato l’opportunità della proposta di restauro inviata dallo stesso architetto Portoghesi resosi disponibile, alla quale non è stata neanche data risposta», le sue parole.
 


Portoghesi infatti si era offerto di seguire lui stesso i lavori di ristrutturazione: una proposta rimasta però senza riscontri da parte dei proprietari. Si è mosso anche il Comune di Roma, con una lettera alla sede diplomatica giordana segnalando come il palazzo sia «opera di rilevante interesse architettonico». Casa Papanice negli ultimi anni è stata deturpata di alcuni elementi caratteristici: la scala esterna è stata abbattuta, così come i tubi cilindrici in acciaio che componevano la cancellata di recinzione. E ancora, scrive Papanice, «il gruppo di canne di eternit che formava l’organo sul tetto, il rivestimento in klinker maiolicato sulla facciata rovinato dove si ricorda che le prime note della primavera di Vivaldi sono state trascritte in termini matematici, le canne di ferro della recisione dei balconi».


(Edmondo Papanice con l'archistar Portoghesi)


«Sua Maestà, mi rivolgo a Lei in quanto così si mal interpreta la ricchezza e la sensibilità alla custodia dell’arte e della cultura di cui invece fate tesoro nel vostro Paese, la Giordania è da millenni un crocevia di culture, testimoniate agli occhi dei visitatori da siti archeologici tra i più antichi del mondo - scrive nella lettera - Mio nonno era uno dei più grandi imprenditori edili di Taranto degli anni ’60, grazie alla sua intelligenza e caparbietà investì con successo nel suo territorio lasciando un impronta eterna con la costruzione di Casa Papanice, un suo regalo all’Italia, alla cultura elemento cardine del sistema produttivo»
 


IL CAMPIDOGLIO, IL MINISTRO E SGARBI Gli appelli di Papanice hanno forse smosso le acque: il Campidoglio è intervenuto, così come il ministro Franceschini, nonché Vittorio Sgarbi, che alla fine di luglio ha annunciato un atto ispettivo alla Camera rivolto allo stesso ministro. Insomma il degrado in cui versa attualmente il palazzo, che non ha lasciato indifferente nemmeno la stessa Monica Vitti («È il futuro, un insieme di arte e natura, ho girato diverse scene in quello splendido edificio», le sue parole), è un’ingiustizia alla sua bellezza.

A mezzo secolo dalla sua costruzione, potrebbe rinascere o morire: dipende tutto dalla regina, sua quasi coetanea. 
«Con il permesso di Sua Maestà, chiedo pertanto un vostro intervento affinché si proceda a ridare dignità all’edificio con un ripristino originale dell’opera suddetta», conclude la lettera di Edmondo, nella speranza che la regina possa considerare l'idea anche in occasione del suo 50esimo compleanno, che cade il prossimo 31 agosto
Ultimo aggiornamento: Domenica 23 Agosto 2020, 12:02
© RIPRODUZIONE RISERVATA