Clochard ucciso in stadio Flaminio:
convalidato arresto cingalese

Roma, cadavere allo Stadio Flaminio: convalidato l'arresto del cingalese

Il gip del Tribunale di Roma ha confermato il carcere per Arachchillage Don  Sangapala, detto 'Thirisanà, il 39enne dello Sri Lanka, accusato dell'omicidio di Sulin Wickrmasingha, detto 'Charliè, il senza-tetto cingalese trovato morto nei pressi dello stadio Flaminio, a Roma, la mattina del 2 febbraio scorso. L'uomo oggi ha respinto le accuse, accusando un connazionale.

«Non sono stato io. A uccidere Charlie è stato Fernando al termine di una lite. Io ero spaventato, sono scappato via tornando dall'anziano che accudisco come badante». Il gip Cinzia Parasporo che ha condotto l'interrogatorio insieme al pm Stefano Rocco Fava, non gli ha creduto e ha confermato il carcere con l'accusa di omicidio per il 39enne arrestato venerdì scorso dai Vigili urbani del Nae (Nucleo assistenza emarginati) e del II Gruppo Salario Parioli. Una decisione presa vista, «la gravità del fatto» e «il pericolo di fuga».

L'uomo, si legge nella convalida del fermo, è considerato «di indole violenta» ed era già stato condannato a 2 anni e mezzo di carcere per «maltrattamenti e lesioni in danno della convivente». Una persona violenta dunque e, si legge ancora negli atti, «costantemente ubriaco». Anche l'omicidio sarebbe scaturito da una lite degenerata per colpa dell'alcol avvenuta la sera precedente al ritrovamento del cadavere.    

Lunedì 12 Febbraio 2018 - Ultimo aggiornamento: 17:03
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
DALLA HOME