Le buche di Roma le ripara l’esercito: 240 milioni per 200 chilometri di strade

di Simone Canettieri e Stefania Piras
 Alle buche di Roma ci penserà l’esercito. L’accordo è contenuto nell’emendamento alla manovra approvato l’altra notte in Senato. Sarà il Genio militare, infatti, a occuparsi delle strade malandate della Capitale, che continuano a mietere vittime con cadenza quasi settimanale. 
Un compromesso trovato dal governo con il Campidoglio per accelerare le pratiche e fare in modo che i lavori vengano svolti con efficienza e regolarità. Raggi la spunta con il governo, dunque e trova questo escamotage inedito. Un’idea che mette in fila tutti i pianeti grillini: dalla sindaca Virginia Raggi, al ministro della Difesa Elisabetta Trenta passando per Francesco Silvestri, vicecapogruppo del M5S alla Camera, titolare dell’emendamento, al numero uno della maggioranza capitolina Giuliano Pacetti.

Il pagellone, tutti i voti del Campidoglio: bene la Raggi, male Meleo e Gatta. E Bergamo diventa “er Moquette”

COME FUNZIONA
In principio erano i 180 milioni in tre anni chiesti dalla prima cittadina al governo. Ma è andata male. Molto male. Sono stati cassati in pieno prima dal ministro delle Finanze Giovanni Tria, e poi dalla sottosegretaria M5S Laura Castelli che aveva parlato della necessità di un provvedimento più organico per Roma. Lì si è cominciato a parlare di un aiuto speciale per Roma spalmato su almeno cinque anni. Ora invece è arrivato questo provvedimento di tutt’altro tenore. Prevede lo stanziamento biennale di risorse ad hoc per rifare le strade e, novità assoluta, il coinvolgimento dei soldati speciali del Genio militare che in questo modo potranno intervenire in tutta Italia «ma specialmente su Roma che ne ha molto bisogno», sottolinea chi ha aiutato Silvestri a formulare il provvedimento “Attappabuche in grigioverde”.

Dalle prime indiscrezioni funzionerà così: nell’emendamento Silvestri si dispone per l’anno 2019 l’erogazione al Genio di cinque milioni di euro per comprare le macchine asfaltatrici e al Campidoglio invece si danno 60 milioni di euro perché si doti della materia prima: il bitume per colmare materialmente le voragini. In questo modo la giunta Raggi avrà letteralmente a disposizione un esercito che lavorerà gratis per Roma. Dai primi schemi abbozzati in Comune si stima un intervento ad ampio raggio su oltre 200 chilometri di strade e lavori di manodopera, a carico della Difesa, per 240 milioni di euro. 

Per l’anno successivo la cura di divise e bitume continua. Nell’emendamento si riservano altri venti milioni di euro al Comune per continuare il lavoro di risanamento completo delle strade. La sindaca Virginia Raggi e il deputato romano Silvestri lo considerano un vero e proprio piano Marshall in grado di traghettare l’amministrazione M5S fino al termine del mandato con la consapevolezza di aver fatto «quello che serve». 

L’emendamento è stato messo a punto domenica. Quel giorno, Silvestri dopo aver chiuso il tavolo di discussione con Raggi e Pacetti si è chiuso prima al Ministero delle Finanze in via XX Settembre e poi è andato direttamente in Senato con il provvedimento fresco di scrittura e soprattutto con l’ok dei vertici M5S che lo hanno tirato fuori con il premier e l’alleato di governo.
«È stata una grande operazione politica - racconta Silvestri - Di raccordo, tra Governo, Parlamento e Campidoglio. Abbiamo lavorato insieme per il bene di Roma. E ce l’abbiamo fatta. Portiamo la tecnologia del genio militare per le strade romane, al servizio dei romani. È una piccola, grande, rivoluzione per la città. E non era affatto una soluzione scontata: bisogna ringraziare la grande professionalità dimostrata da tutte le parti in gioco. Quando la politica è fatta con la P maiuscola, e si occupa come in questo caso di sicurezza e benessere delle persone, allora porta risultati tangibili per la vita dei cittadini», commenta.
Quella notte c’è stato infatti il vertice a Palazzo Chigi con il presidente Giuseppe Conte, Luigi Di Maio e Matteo Salvini. Il capo politico del M5S teneva particolarmente a questo provvedimento e lo aveva promesso alla sindaca. Tanto che nel bel mezzo del vertice di governo alle agenzie viene fatto filtrare il tanto atteso “Salvabuche”. 
 
Martedì 18 Dicembre 2018, 00:45
© RIPRODUZIONE RISERVATA