Pedofilia a Roma, allarme dei pm: «Si prostituiscono anche bimbe di 10 o 12 anni»

Baby squillo, nuovo allarme. «La prostituzione minorile a Roma vede purtroppo sempre più protagonisti bambine e bambini al di sotto dei 14 anni, anche di 10 o 12 anni». Il dato inquietante è del pm della procura capitolina Maria Monteleone, alla guida del pool dei magistrati che si occupano dei reati contro la violenza di genere e contro i minori, sentita davanti alla commissione parlamentare di inchiesta per l'infanzia e l'adolescenza. Solo nella Capitale, nel 2019, ha spiegato, «abbiamo aperto 31 nuovi procedimenti penali. E negli anni passati c'era stata un'impennata in questa materia dopo la vicenda delle cosiddette baby squillo». Storia che ha ispirato anche la serie tv di Netflix con protagoniste Benedetta Porcaroli e Alice Pagani.
Dopo aver segnalato gli sviluppi del fenomeno nell'ultimo anno, il pm Maria Monteleone ha anche ricordato che «negli anni precedenti abbiamo avuto un'impennata di procedimenti nuovi in questa materia, connessa alla nota vicenda delle baby squillo». Quest'ultimo riferimento riguarda l'inchiesta che nel 2013 portò alla luce la vicenda di due ragazzine fatte prostituire nel quartiere romano dei Parioli.

 
 

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 19 Febbraio 2020, 22:04
© RIPRODUZIONE RISERVATA