Attacco hacker Regione Lazio: «Rallentati i vaccini»

Attacco hacker Regione Lazio: «Rallentati i vaccini»

«Un attacco criminale e terrorista senza precedenti, potente e invasivo»: così il governatore del Lazio Nicola Zingaretti ha definito ieri il clamoroso cyber attack inflitto dagli hacker alla rete informatica regionale, in attesa che gli inquirenti ne chiariscano la matrice. Tradotto, vale a dire una autentica bordata contro il sistema delle vaccinazioni nella regione che meglio stava facendo a livello nazionale e che ieri ha continuato a somministrare altre cinquantamila tra prime e seconde dosi, nonostante lo stop obbligato alle nuove prenotazioni.

Fino al 13 agosto ne sono state prenotate altre 500mila (tutte valide), un plafond tale da arrivare a coprire l’80 per cento della popolazione over 12 vaccinabile. Ma il dopo, per il momento, è avvolto nell’incertezza. Sempre Zingaretti ha rassicurato che la campagna vaccinale nel Lazio non si è mai interrotta e che «sta andando avanti», appoggiandosi per la registrazione dei green pass alla struttura commissariale del generale Figliuolo. 

Hackerato il sito della Regione Lazio, il vero obiettivo non sono i soldi: dietro di loro la mano no vax

 

Attacco hacker Regione Lazio, il contraccolpo 

Ma di fatto il contraccolpo si fa sentire, con ritardi nel rilascio delle certificazioni e del referto dei tamponi proprio alla vigilia del 6 agosto e in concomitanza con la partenza per le vacanze, con la confusione generata in chi era in procinto di vaccinarsi e le ombre che ora offuscano la programmazione delle ulteriori fasi della campagna di somministrazioni, specie in vista della riapertura delle scuole a settembre. Alla lunga, il mancato aggiornamento dei dati sui tamponi potrebbe arrivare a inficiare anche il calcolo dell’indice Rt dei contagi. Una strada è quella di puntare molto su eventi prenotazione-free programmabili dalle singole Asl per richiamare chi ancora non si era vaccinato e, a questo punto, non può farne richiesta.

Gli strascichi dell’attacco hacker, inoltre, investono l’intera rete regionale anche in ambiti extra sanitari, dal momento che i pirati informatici hanno provocato il blocco di tutti i file collegati al Ced. Sono ferme pure le prenotazioni delle visite specialistiche e strumentali tramite Cup e Recup (chiamando il Cup allo 069939, gli addetti segnano il nominativo con la richiesta e con l’intenzione di ricontattarlo appena sarà possibile) con il conseguente sconforto di migliaia di malati già sottoposti in pandemia a disagi e a un pesante stress psicologico per la paura del Covid. Se ieri l’assessore regionale alla Sanità Alessio D’Amato che ha partecipato alla conferenza stampa voluta da Zingaretti per fare il punto sulla situazione, ha detto che su questo fronte si conta di garantire il ripristino della funzionalità dei sistemi in una decina di giorni, «entro la metà agosto», i vertici di Laziocrea, la società in house che per conto della Regione gestisce la rete informatica, reputano che per tornare a una piena funzionalità dell’intero apparato informatico regionale ci vorrà non meno di un mese.

 

 

 

Come ha spiegato sempre Zingaretti, la corsa contro il tempo è per migrare «su cloud esterni i servizi essenziali e renderli operativi il prima possibile, informando dei continui sviluppi i cittadini», sottolineando che «nessun dato sanitario è andato rubato e che i dati finanziari e del bilancio non sono stati toccati». Rispetto al paventato riscatto è chiaro: «Nessuna richiesta ufficiale e comunque noi non trattiamo con nessuno».
Il sistema informatico regionale è stato, di fatto, spento - nemmeno il sito web è consultabile - proprio per impedire il propagarsi di altri danni, il timore è che il ransomware, il virus iniettato dagli hacker, possa annidarsi anche nel back-up e tornare a “riprodursi”. Gli attacchi sono ancora in corso e ieri ne sono stati sventati altri due, per fortuna senza conseguenze. 

 

Video

Le indicazioni 

Per questo motivo la Regione ieri ha diramato una nota a tutti i dipendenti con la raccomandazione di evitare l’utilizzo non solo dei pc, ma anche dei telefonini e altri device forniti per “loggarsi” alla rete interna. Inoltre, la stessa nota ribadisce che deve restare chiuso il software che fornisce accesso alle applicazioni aziendali in quanto è una porta d’accesso ai server.

Per Zingaretti non vi sono dubbi che il Lazio sia «vittima della più grave offensiva criminosa mai avvenuta sul territorio italiano». Il governatore ha aggiunto che le 500mila prenotazioni dei vaccini «stanno regolarmente procedendo con uno forzo encomiabile di tutti i volontari della comunità sanitaria che in queste ore sta verbalizzando a mano, e non su supporto digitale, i referti e tutto quello che è necessario per portare a buon fine la campagna vaccinale», precisando che «sono attive e non si sono mai interrotte le attività del 112 e del 118, dei pronti soccorso, della sala operativa della protezione civile e del centro trasfusionale». L’assessore D’Amato ha chiarito che «per il green pass avremo qualche ritardo, i tempi si allungheranno di 24 ore, e non avremo in questi giorni lo standard di efficienza che ci aveva contraddistinto, ma se si voleva colpire la campagna vaccinale, il sistema ha reagito». 

Le Asl, a partire dalla Asl 1, da ieri hanno temporaneamente esentato il pagamento dei ticket per garantire le prestazioni già prenotate e da prenotare in loco (attraverso le agende delle singole strutture territoriali e ospedaliere), anche se non sono mancate brutte sorprese per alcuni cittadini che ieri, di prima mattina, si sono visti respingere in alcune strutture del Lazio la possibilità di sottoporsi alle analisi del sangue o a visite già prenotate da tempo, in attesa delle direttive sul da farsi.

 

 

 

 

 

 

 


Ultimo aggiornamento: Martedì 3 Agosto 2021, 12:08
© RIPRODUZIONE RISERVATA