Gianluigi De Palo su Leggo: «L'ecologia in bolletta»

Gianluigi De Palo su Leggo: «L'ecologia in bolletta»

Da quando sono aumentate le bollette della luce e del gas a casa nostra chi lascia la televisione accesa viene multato di un euro. Stessa cosa per chi esce dalla stanza senza spegnere la lampada della scrivania. Se non si spegne la ciabatta delle prese cinquanta centesimi.

 

E poi la doccia. Lo so che non c'entra nulla, ma da quando in uno dei miei viaggi in Africa ho toccato con mano la mancanza di acqua, ho imposto che le docce possano durare al massimo tre minuti. Coi maschi è facile. Con le femmine è una partita persa.

 

L'altra sera ho sentito che Maddalena barattava con Gabriele il suo tempo: «Se tu ci metti un minuto, io ne ho cinque. Aiutami perché con i capelli lunghi tre minuti sono troppo pochi. Affare fatto?». E come noi tante altre famiglie. Questo è il valore aggiunto di una famiglia per il bene comune. Questo è concretizzare la sostenibilità. E questa sobrietà va premiata con bollette accessibili e che non rendano vani i piccoli sacrifici quotidiani dei nostri figli. La transizione ecologica o è umana o non è ecologica.
occhidipadre@leggo.it


Ultimo aggiornamento: Giovedì 10 Febbraio 2022, 13:35
© RIPRODUZIONE RISERVATA