Gianluigi De Palo su Leggo: «Troppo silenzio, tanta nostalgia»
di Gianluigi De Palo

Gianluigi De Palo su Leggo: «Troppo silenzio, tanta nostalgia»

Quando ci sono fai di tutto per trovarti dei momenti di solitudine in cui leggere, ascoltare un po' di musica, riflettere o, semplicemente, giocare alla PlayStation. Poi accade che la parrocchia organizzi un campo estivo e se li porti via quasi tutti. Silenzio in casa. Frigorifero strapieno come non capitava da tempo, il televisore - quello grande - libero. Ma ti accorgi come diceva Claudio Baglioni in una sua celebre canzone di essere libero finalmente e non saper che fare. I pranzi e le cene ti mettono il magone. Non si litiga più per un pezzo di frittata. Ti tocca sparecchiare e apparecchiare nel silenzio interrotto dallo struscio delle posate. Non ci sono più baci e abbracci della buona notte. E pensi che queste sensazioni siano semplicemente un anticipo di quello che accadrà tra qualche anno quando anche i più piccoli se ne andranno. E allora piangi, non vedi l'ora che ritornino. E pensi che è vero che con loro non c'è un momento di tregua, ma quel casino, quelle litigate, sono il sapore della tua vita.

 


occhidipadre@leggo.it

 

-----------------------------------------------------------------------------------------------

 


Gigi De Palo, 44 anni sposato con Anna Chiara e padre di 5 figli. Giornalista e scrittore si occupa di formazione sul tema de "La leadership etica". È stato presidente delle Acli di Roma e Assessore tecnico alla Scuola e Famiglia del Comune di Roma. Dal novembre del 2015 è Presidente Nazionale del Forum delle Famiglie. Il suo ultimo libro, scritto a quattro mani con la moglie ed edito dalla Sperling & Kupfer si intitola "Adesso viene il bello".


Ultimo aggiornamento: Giovedì 15 Luglio 2021, 17:16
© RIPRODUZIONE RISERVATA