Vigile aggredito a Milano, uno dei ragazzi: «Non si è qualificato. E ci ha puntato la pistola»

Vigile aggredito a Milano, uno dei ragazzi: «Non si è qualificato. E ci ha puntato la pistola»

Parla uno dei giovani altoatesini coinvolti nell'aggressione dello scorso week-end

«Non si è qualificato come vigile urbano e ci ha puntato la pistola contro, noi ci siamo solo difesi». Così uno dei giovani di Bolzano, coinvolti nell'aggressione al 'ghisa' in borghese dello scorso week-end a Milano, fornisce la propria versione dei fatti.

 

Leggi anche > Ubriaco si sdraia in mezzo alla strada, poi prende l'auto e si schianta contromano

 

Durante l'aggressione, sono stati esplosi anche due colpi di pistola. Ma secondo uno dei ragazzi coinvolti, le cose sono andate diversamente. «Quell'uomo non si è qualificato e non ha mostrato alcun tesserino che lo identificasse per un agente di polizia. Ci sono molti testimoni pronti a confermarlo» - ha spiegato il giovane al quotidiano Alto Adige - «Non sapevamo chi fosse quell'uomo che ci puntava la pistola, ci siamo mossi per disarmarlo perché avevamo paura. Non è stata un'aggressione, eravamo solo spaventati e ci siamo difesi. Il video è finito su tutti i media ma nessuno ha ascoltato la nostra versione».


Ultimo aggiornamento: Lunedì 17 Gennaio 2022, 15:05
© RIPRODUZIONE RISERVATA