Terza dose agli over 40, in Lombardia via dal 1° dicembre. Fontana: «Vaccinatevi»

Terza dose agli over 40, in Lombardia via dal 1° dicembre. Fontana: «Vaccinatevi»

di Simona Romanò

«Dal 1°dicembre, in Lombardia, secondo le indicazioni del governo, inizieremo a somministrare la terza dose anche agli over 40. A breve daremo indicazioni sulle prenotazioni». Così, ieri, il governatore Attilio Fontana. La Regione vuole correre con le terze dosi per arginare la quarta ondata: oltre 550mila quelle già somministrate, con la media giornaliera di oltre 37mila prenotazioni e picchi di 60mila. «Voglio che la gente aderisca con determinazione alla terza dose e che quelli che fino ad oggi non si sono fatti vaccinare, lo facciano. È l'unica cosa utile che dobbiamo ricordare fino alla nausea», ha proseguito Fontana. Sull'importanza di affrettarsi con il richiamo anti-Covid, in gergo booster, parla anche il responsabile della campagna vaccinale Guido Bertolaso: «La terza dose è inevitabile, perché è l'unica arma che abbiamo e dobbiamo utilizzarla fino all'ultima pallottola. Non ci fermeremo fino a quando non l'avremo fatta a tutti i lombardi che ne hanno diritto».
E questo perché i dati dei contagi sono in salita, con il tasso di positività, ieri, all'1,3% (domenica 1%): a fronte di (soli) 36.806 tamponi processati i nuovi positivi sono 506; di questi, il boom di 167 a Milano e provincia (74 in città). Crescono ancora i ricoverati nei reparti Covid (+19, in tutto 460), mentre sono stabili a 50 nelle rianimazioni. E 3 i decessi. Le Ats, visto l'incremento dei malati, iniziano ad avere difficoltà nel tracciamento dei contatti, perché gli spostamenti dei cittadini sono tanti e le relazioni di ogni infetto sono numerose. Stiamo andando incontro ad un'epidemia dei non vaccinati. A confermarlo sono i numeri: «Dei 50 ricoverati nelle rianimazioni, 30 non sono vaccinati», ha chiarito Antonio Pesenti, coordinatore delle terapie intensive della Lombardia per l'Unità di crisi Covid. «E nelle prossime settimane ci aspettiamo che comincino ad aumentare, in modo contenuto, i ricoveri nelle terapie intensive».


Ultimo aggiornamento: Martedì 16 Novembre 2021, 08:19
© RIPRODUZIONE RISERVATA