Alberto Genovese ai pm: «Stupro a una 18enne? Se l'ho fatto è stata colpa della droga»

Alberto Genovese ai pm: «Stupro a una 18enne? Se l'ho fatto è stata colpa della droga»

«Stupro a una 18enne? Se l'ho fatto è stata colpa della droga». L'imprenditore Alberto Genovese è stato interrogato oggi per oltre 4 ore in Procura a Milano: accusato di aver stordito e stuprato una ragazza di 18 anni ospite ad un festino nella sua abitazione milanese, l'imprenditore delle start up avrebbe parlato dei suoi problemi dovuti alla dipendenza dalla droga e degli effetti che ha su di lui come perdita di «controllo» e incapacità di distinguere il confine tra «legalità e illegalità». 

 

Leggi anche > Maestra licenziata, il papà “spione”: «Non è vittima, quelle cose non doveva farle»

 

Genovese, ex re delle start up ed ex ad di Facile.it (azienda che ha lasciato nel 2014 e dove attualmente non ricopre più alcun ruolo, è stato ascoltato dal pm Rosaria Stagnaro e dal procuratore aggiunto Letizia Mannella e avrebbe detto che quando assume droga non è «consapevole» e che non riconosce «il disvalore» sue azioni. «Ho problemi di tossicodipendenza» è tornato a sottolineare l'imprenditore, che ha ammesso problemi con la droga da quattro anni. Sulla vicenda al centro delle indagini avrebbe aggiunto «se l'ho fatto, non ho fatto una bella cosa».

 

Leggi anche > L'sms della 18enne violentata alle amiche: «Sono in una situazione pericolosa»

 

 

Le accuse nei confronti di Genovese sono di violenza sessuale, sequestro di persona e lesioni gravissime. Le indagini nei confronti di Genovese sono scattate a seguito del ricovero della 18enne, ricorsa alle cure mediche per una violenza sessuale. Gli accertamenti hanno permesso di ricostruire che durante una festa organizzata dall'uomo, la giovane sarebbe stata costretta a subire ripetuti rapporti sessuali e ad assumere cocaina e ketamina. 

 

"NON SONO PIU' QUELLO DI 5 ANNI FA" «Alberto Genovese di oggi non è quello di 5 anni fa. Un gran lavoratore che ha costruito un impero dal niente. Non sono nulla di tutto questo». Si è descritto così al pm Rosaria Stagnaro e al capo della Squadra Mobile Marco Calì l'imprenditore 43enne Alberto Genovese. Agli inquirenti, l'uomo è apparso provato fisicamente, ma la sensazione è che si tratti di una conseguenza dell'astinenza da sostanze stupefacenti. Nelle oltre 4 ore di interrogatorio, il tema della droga è stato affrontato lungamente e il consumo di grandi quantità è alla base della difesa dell'imprenditore. Secondo quanto appreso, Genovese avrebbe ripetuto che non aveva intenzione di fare del male alla ragazza e che «se ciò è avvenuto» è stato per colpa della droga. 


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 18 Novembre 2020, 22:03
© RIPRODUZIONE RISERVATA