Milano, medico ammazzato in via Macchi. Tramonta l'ipotesi rapina: forse ucciso in un agguato

Video
di Salvatore Garzillo

La morte del ginecologo Stefano Ansaldi, 65 anni, ucciso sabato verso le 18.15 poco distante dalla Centrale, perde la certezza di una rapina e sfuma nell’angoscia di un giallo. L’ipotesi più accreditata sarebbe che il medico 65enne avesse un appuntamento con il suo assassino; forse una sola persona, forse più di una. Anche qui nessuna certezza. Ansaldi viveva a Napoli e la sua trasferta milanese non era un segreto per la famiglia. Aveva preso un biglietto di andata e ritorno in giornata con arrivo nel primo pomeriggio e rientro con un Intercity delle 21.10. Non era a Milano per i saluti pre natalizi alla sorella dato che la donna era in procinto di partire per Napoli. Aveva una finestra temporale molto stretta, per questo è possibile che abbia fissato il suo appuntamento vicino alla stazione. La sua vita è finita alle 18.15, in via Mauro Macchi, riverso sul marciapiede, con quel taglio profondo alla gola che ha ucciso un ginecologo stimato e apprezzato, con una carriera specchiata e nessuna ombra. Una rapina c’è stata: al professionista mancavano il cellulare e il portafoglio. Ma il suo Rolex insanguinato era a terra. Una dimenticanza insolita per un rapinatore disposto a uccidere per ottenere il bottino. Forse il telefono è stato portato via perché conteneva il contatto del suo assassino e il portafogli per ritardare l’identificazione della vittima e guadagnare tempo. Testimoni hanno parlato di due assalitori nordafricani: probabile che la confusione sia stata generata da un altro episodio, avvenuto poco dopo l’omicidio, non molto distante, in via Settembrini. È qui che il pensionato 72enne Anacleto Giriolo è stato aggredito da una coppia di rapinatori che, dopo averlo spinto a terra, gli hanno preso portafogli e cellulare. Ma i carabinieri ritengono improbabile che qualcuno possa uccidere un passante con tale ferocia e poco dopo commettere un’altra rapina.


Ultimo aggiornamento: Lunedì 21 Dicembre 2020, 10:30
© RIPRODUZIONE RISERVATA