Il sindaco Sala favorevole al green pass alla Macron. «Dobbiamo forzare chi non si vuole vaccinare»

Milano, il sindaco Sala favorevole al green pass alla Macron. «Dobbiamo forzare chi non si vuole vaccinare»

Il sindaco di Milano, Giuseppe Sala si dichiara a favore del modello green pass "alla Macron". Nei giorni scorsi, infatti, il presidente della repubblica Francese ha deciso di imporre il certificato per accedere a bar, ristoranti e centri commerciali, ma anche ai trasporti pubblici interni al Paese.

 

Leggi anche > Green pass obbligatorio, è caos. La via francese divide: senza vaccino niente bar, ristoranti e trasporti. A Parigi boom di prenotazioni

 

«Tutto sommato i risultati si sono visti - ha dichiarato Sala ai giornalisti nella mattinata di mercoledì 14 luglio -. Macron l'ha proposto e in un giorno ci sono state un milione di iscrizioni. Noi dobbiamo anche un po' forzare chi non si vuole vaccinare. È per il bene di tutti».

 

Leggi anche > Green pass obbligatorio, il virologo Maga: «Da fare per discoteche e posti affollati»

 

Ma se la sua è una dichiarata approvazione, al contrario il sindaco non ha recepito la posizione di Fontana che in prima battuta sembrava in linea con Macron, ma dopo avrebbe fatto dietrofront. «Aspetto chiarimenti perché l'ho visto cambiare nel giro di 45 minuti - commenta Sala -. Sarà importante che chiarisse in maniera definitiva».

Riguardo i dati relativi alla pandemia e la gestione dell'ordine pubblico dopo i festeggiamenti per la vittoria dell'Italia, il sindaco commenta la difficoltà di bloccare la gente in casa. «Capisco anche che ci sia tanta voglia di uscire - dice -, però devo dire che a Milano c'è ancora tanta attenzione. Andando in giro per le strade io vedo che la maggior parte delle persone indossa la mascherina, pur non essendo più obbligatoria. Non siamo ancora usciti dalla pandemia ma abbiamo tanta voglia di lavorare».


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 14 Luglio 2021, 13:21
© RIPRODUZIONE RISERVATA