Mamma uccide il compagno a martellate: «Abusa dei miei bambini». Ma è tutto falso: Sabrina Amico assolta per infermità mentale
di Alessia Strinati

Mamma uccide il compagno a martellate: «Abusa dei miei bambini». Ma è tutto falso: Sabrina Amico assolta per infermità mentale

Uccide il suo compagno dicendo che abusava dei suoi figli, ma era tuto falso. Marco Benzi fu ucciso mentre dormiva nel suo letto accanto alla fidanzata proprio dalla donna che diceva di amarlo. Sabrina Amico gli fracassò il cranio con delle martellate per poi raccontare alla polizia che il suo era stato un gesto disperato visto che abusava dei bambini.

Diego, ucciso a 35 anni da un tumore: il dolore degli amici e della compagna su Facebook



La donna fu arrestata, ma ora è stata assolta per infermità mentale. La loro sembrava una famiglia felice: vivevano insieme, con un cane i bambini di lei, avuti da un precedente matrimonio, sembravano andare d'accordo e mai nessuno avrebbe sospettato di Benzi. Infatti non aveva mai alzato un dito sui piccoli. Gli inquirenti iniziarono ad indagare e si scoprì che quanto affermato dalla donna non era vero. A rivelarlo sono stati gli stessi bambini, che hanno negato ogni forma di violeza subita dall'uomo.

Sabrina viene riconosciuta mentalmente instabile. Avrebbe agito in preda a un disturbo psichiatrico a seguito del quale è stata assolta ma che la costringerà a trascorrere  dieci anni in una Rems (Residenza per l'esecuzione delle misure di sicurezza), ovvero una struttura che ospita soggetti socialmente pericolosi perché affetti da disturbi mentali.
Ultimo aggiornamento: Mercoledì 5 Giugno 2019, 14:05
© RIPRODUZIONE RISERVATA