Ambra Battilana: «Berlusconi si faceva mettere il sedere in faccia. Lo vidi senza trucco, sembrava un imitatore»

La giovane modella Ambra Battilana, una delle testimoni 'chiave' delle inchieste sul caso Ruby, ha parlato quest'oggi deponendo nel processo Ruby Ter a carico di Silvio Berlusconi e di altri 28 imputati, tra cui molte 'olgettine'. La Battilana, che ora vive a New York, ha parlato - come peraltro già aveva fatto in altri processi - del 'bunga bunga' ad Arcore, ma non solo: anche del caso che ha legato il suo nome ad Harvey Weinstein, il produttore americano finito nella bufera per le note vicende del "me too".

Leggi anche > Chiara Danese in lacrime: «Il bunga bunga mi ha rovinato la vita»

La Battilana ha confermato, dettaglio per dettaglio, la serata a luci rosse che vide ad Arcore a Villa San Martino, casa di Berlusconi, nel corso della quale l'ex premier e leader di Forza Italia, ha detto Ambra, «era sempre con le mani addosso alle ragazze», «baciava i loro seni» e si faceva «mettere il sedere in faccia». La Battilana ha anche raccontato le «molestie» da lei subite nel 2015 dal produttore cinematografico statunitense Harvey Weinstein.

 
 

Leggi anche > I giudici: «Con case all'Olgettina prostituzione più stabile»

La modella ha risposto prima alle domande del pm Luca Gaglio e poi a quelle del suo difensore e ha spiegato di essersi trasferita a New York proprio per via di queste vicende: «Me ne sono dovuta andare dall'Italia, perché il mio nome era 'macchiato' come una escort», ha detto, aggiungendo che «Berlusconi mi toccò il sedere» e parlando anche del «procedimento» a carico di Weinstein, che «mi palpò», che inizierà «il 6 gennaio». 

Leggi anche > A Guerra e Sorcinelli case gratis. «Disse a B.: porto quei video ai giornalisti»

"SENZA TRUCCO PENSAVO FOSSE UN IMITATORE" «Scopro di essere a casa di Berlusconi quando entro in un salottino e vedo questa persona con due vassoi di anelli e dice 'voi chi siete?'. Io penso che sia un imitatore di Berlusconi, dopo ho capito di no, era proprio Silvio Berlusconi. Io ho una fissa guardo molto i denti, mancavano dei denti e questa cosa mi stranì, anche l'accento era diverso meno marcato rispetto alla televisione, forse anche il fatto di non avere il trucco...», ha detto Ambra raccontando quella serata del 22 agosto 2010. 

 
 

L'ingresso ad Arcore avviene grazie ad Emilio Fede che «lo conobbi 24 ore prima di quella serata, tramite Salemi (il suo agente, ndr) che mi aveva fatto avere un colloquio come 'meteorina' su Rete4. Daniele aveva chiesto a me e Chiara di fare le meteorine, quella mi sembrava una situazione perfetta». È il giornalista televisivo che le presenta a Berlusconi. «Era evidente che Emilio era molto interessato a Chiara non voleva che il presidente parlasse con lei, 'tu mangia nel piatto tuo, che io mangio nel mio'», le parole pronunciate prima della cena elegante che finisce in una serata hot nella villa di Arcore.

«Fede e Berlusconi si sono seduti sui divanetti, le ragazze erano tutte in piedi, alcune erano completamente nude. A un certo punto c'è lo spogliarello della Minetti, c'è lei completamente nuda e io le guardavo le scarpe con tutti i diamantini. Lei ballava nuda a un metro da me, si è tolta il vestito a strappo, lei si faceva toccare da Berlusconi, lui le ha ripetutamente baciato il seno, la bocca. Tutte le ragazze erano vestite provocanti, scollate. Se vi notano fate tantissima carriera mi dicevano, ma quando una ragazza cerca di togliermi il giacchino, lì decido di andare via», chiosa la Battilana che nei precedenti processi è sempre stata parte civile.
Ultimo aggiornamento: Lunedì 16 Dicembre 2019, 20:50
© RIPRODUZIONE RISERVATA