Gruppo Prada: da settembre Green Pass obbligatorio per i dipendenti. Per i non vaccinati tampone settimanale

Milano, Gruppo Prada: da settembre Green Pass obbligatorio per i dipendenti. Per i non vaccinati tampone settimanale

Green pass obbligatorio per chi lavora nel Gruppo Prada a partire dal 6 settembre. È la decisione della società di lusso italiana per gli stabilimenti di Terranuova Bracciolini e Levanella in Valdarno, di San Zeno ad Arezzo e quello di Milano.

 

Leggi anche - Green Pass, la validità sarà estesa fino a un anno per i vaccinati: manca il via del Cts

 

I lavoratori coinvolti sono oltre 3mila: 2.300 si dividono tra gli stabilimenti aretini e 800 sono quelli di Milano. Gli stessi, sono stati avvisati da una lettera che sosteneva l'obbligatorietà del green pass quindi non solo per l'accesso alla mensa, come da legge, ma ad ogni ambiente di lavoro al chiuso: fabbrica e ufficio, come riporta ArezzoNotizie.

«Il recente andamento dell'epidemia - è scritto nella premessa del documento inviato ai lavoratori e firmato dall'amministratore delegato, Patrizio Bertelli - conferma la necessità di porre massima attenzione all'applicazione di tutte le misure di prevenzione medico-sanitarie. Nel rispetto delle normative vigenti e delle scelte individuali in tema di vaccinazione, abbiamo convenuto che l’accesso ai locali e alle mense aziendali possa essere subordinato al possesso del Green Pass e cioè di uno dei seguenti requisiti: 1. vaccinazione anti covid 19 (prima o seconda dose); 2. certificato medico attestante la avvenuta guarigione da covid negli ultimi 6 mesi».

 

Prada richiede il green pass ottenuto o con la vaccinazione o con l'attestato di guarigione dalla malattia e per i dipendenti non vaccinati (o che non abbiano contratto il virus), l'azienda ha deciso di mettere a disposizione i tamponi. In quest'ultimo caso, però, sono state scavalcate le regole del green pass, perché la validità del tampone per il certificato verde è di 48 ore, mentre l'azienda propone tamponi a proprio carico una volta a settimana.

«Come ulteriore strumento di prevenzione, per coloro che siano sprovvisti dei requisiti sopra esposti sarà prevista l'effettuazione di tampone su base settimanale presso strutture esterne nel rispetto della privacy e con costo a carico del Gruppo Prada».

«Misura irricevibile - commenta a caldo Silvia Russo, segretaria provinciale aretina della Cisl -. Stiamo lavorando unitariamente e con la segreteria regionale e nazionale Femca Cisl per iniziative atte a fermare il provvedimento. Come Cisl siamo completamente contrari all'iniziativa nel merito e nel metodo. Finora gli accordi sindacali sono stati fondamentali per tutelare lavoratori e aziende, adesso non è possibile surrettiziamente superare le norme e inventarne di nuove».

 


Ultimo aggiornamento: Giovedì 26 Agosto 2021, 19:03
© RIPRODUZIONE RISERVATA