Coronavirus, 50 tablet donati al Policlinico di Milano per mettere in contatto i pazienti con le loro famiglie

Coronavirus, 50 tablet donati al Policlinico di Milano per mettere in contatto i pazienti con le loro famiglie

Ricoveri improvvisi, isolamenti forzati e angoscia per le famiglie: sono solo alcuni degli aspetti drammatici dell'emergenza sanitaria legata al coronavirus. Molto spesso, i pazienti più gravi, che vengono ricoverati in ospedale, devono passare lunghi giorni in isolamento, senza poter mettersi in contatto con i familiari a casa, ed è per questo che si stanno moltiplicando diverse iniziative in tal senso.

Leggi anche > Giovanni Cova, la pasticceria solidale col Policlinico di Milano: donazione per la terapia intensiva e 4000 colombe pasquali​



L'ultima, 'Dona un tablet', ha permesso di consegnare 50 tablet al Policlinico di Milano, con lo scopo di mettere in contatto i pazienti, giunti in ospedale senza neanche il cellulare, con le loro famiglie. La donazione è giunta da Anima Sgr., che ha raccolto l'iniziativa lanciata dall'Associazione Italiana Donatori di Organi (Aido).

Per contribuire all'iniziativa, è possibile consultare il sito web di 'Dona un tablet'.
Ultimo aggiornamento: Mercoledì 1 Aprile 2020, 13:48
© RIPRODUZIONE RISERVATA