Milano, vandalizzata la panchina rossa in memoria di Lea Garofalo. Forte: «Ripristino immediato»

Milano, vandalizzata la panchina rossa in memoria di Lea Garofalo. Forte: «Ripristino immediato»

Profondamente rammaricata la presidente della commissione Antimafia, Monica Forte, che adesso chiede l'immediato ripristino

La panchina rossa dedicata a Lea Garofalo, testimone di giustizia uccisa dalla ‘Ndrangheta a Milano, è stata vandalizzata da ignoti che hanno tentato di bruciarla. A renderlo noto, in una nota, è stato il Pd di Milano, con la segretaria Silvia Roggiani, e la presidente del Municipio 8, Giulia Pelucchi.

 

Leggi anche > Da Milano al Lazio a 300 all'ora, il rene per il trapianto arriva con la Lamborghini della polizia

 

 

La panchina rossa ubicata in piazza Prealpi, dedicata a Lea Garofalo, testimone di giustizia uccisa dalla 'Ndrangheta a Milano, è stata vandalizzata da ignoti provando a darle fuoco. Profondamente rammaricata la presidente della commissione Antimafia, Monica Forte: «Ho appreso con dispiacere della notizia. Qualora si accertasse che l'atto vandalico sia stato compiuto di proposito sarebbe un grave segnale. Lea Garofalo, ha sacrificato la propria vita lottando per la giustizia e troppo spesso è stata lasciata sola anche dalle istituzioni. Ora, la cosa più importante è intervenire per l'immediato ripristino della panchina rossa, in modo che, se si è trattato di un atto doloso, chi l'ha compiuto dovrà prendere atto che c’è una società civile pronta e in grado di ripristinare un monumento alla memoria così significativo».


Ultimo aggiornamento: Giovedì 23 Giugno 2022, 14:40
© RIPRODUZIONE RISERVATA