Fuga di gas, evacuato il consolato ucraino a Milano: «Colpa di un tubo rotto». Cos'è accaduto

Fuga di gas, evacuato il consolato ucraino a Milano: «Colpa di un tubo rotto». Cos'è accaduto

Durante dei lavori di scavo scatta l'allarme. La fuga di gas in strada ha portato all'evacuazione degli impiegati

Il consolato ucraino è stato evacuato a causa di un'importante fuga di gas in strada. L'allarme è giunto intorno alle 10:30 di oggi, giovedì 7 aprile, in viale Certosa angolo via Breme, dove sono a lavoro i vigili del fuoco, la polizia locale e il personale del 118

 

Leggi anche > Litiga con i familiari e scompare: «Giovanni Emmanuel è sparito nel nulla da tre giorni»

 

Secondo una prima ricostruzione, una tubazione, di media pressione, è stata rotta per errore durante i lavori di scavo all'interno di un cantiere al 138 di viale Certosa. Dopo che è stato lanciato l'allarme, i pompieri sono accorsi sul posto con un'autopompa e il nucleo Nbcr (Nucleare biologico chimico radiologico).

 

Il gas proveniva dalla sede stradale, ma in via precauzionale, anche vista la dimensione della fuoriuscita, è stata evacuata anche la struttura adiacente, all'11 di via Ludovico di Breme, sede del consolato ucraino: a scendere in strada, allontanandosi dal punto dove è avvenuta la fuga, sono stati gli impiegati che erano presenti negli uffici, circa una trentina di persone. Non risultano persone intossicate. La fuga, riferisce la polizia locale, è stata prontamente individuata e intercettata


Ultimo aggiornamento: Giovedì 7 Aprile 2022, 12:39
© RIPRODUZIONE RISERVATA