Milano, da venerdì scatta l'austerity: meno luce, mezzi più freddi. Il caldo fa slittare l'accensione dei termosifoni

Milano da venerdì scatta l'austerity: meno luce, mezzi più freddi. Il caldo fa slittare l'accensione dei termosifoni

di Simona Romanò

L’autunno caldo milanese fa slittare ancora l’accensione dei termosifoni. Le caldaie potranno essere accese dal 3 novembre, e non più, come stabilito in precedenza dall’ordinanza del sindaco Giuseppe Sala, da sabato 29 ottobre. È il nuovo provvedimento, annunciato dallo stesso Sala, compreso nel piano austerity del Comune, messo a punto con Politecnico e A2A per ridurre l’impatto del caro-bolletta sulle casse pubbliche. Le temperature miti permettono di guadagnare un’altra settimana. «Sto facendo verifiche visto che il tempo è ancora buono, con il duplice obiettivo di risparmiare e non inquinare», ha spiegato il sindaco. La stretta contro l’emergenza energetica scatta venerdì 28 ottobre e contempla anche la riduzione della luce dei lampioni, la diminuzione delle temperature sui mezzi pubblici e la settimana “corta” per alcuni sedi del Comune con gli uffici a lavorare da remoto.

TERMOSIFONI Gli impianti si azionano nei condomini non prima del 3 novembre. In realtà, è il secondo rinvio, poiché l’accensione era prevista dal 22 ottobre, per un massimo di 13 ore al giorno e una temperatura non oltre i 19 gradi. MEZZI PUBBLICI Le misure all’insegna del risparmio coinvolgono anche i mezzi Atm: dal 28 ottobre sui mezzi di superficie e sui convogli della M2 la temperatura sarà abbassata di 2 gradi.

ILLUMINAZIONE Sempre da venerdì, per quanto riguarda i punti luce stradali, il periodo di illuminazione sarà diminuito di un’ora al giorno, suddivisa per non lasciare i quartieri al buio: 10 minuti in meno la sera e 50 in meno al mattino.

SEDI COMUNALI Il 4 novembre parte la seconda parte del piano auterity con le progressive chiusure, al venerdì, di quattro tra le sedi comunali maggiori: gli uffici di via Durando 38, via Bergognone 30, via Pellico 16 e via Sile 8 (in cui lavorano circa 2.340 persone) effettueranno la settimana “corta” per l’intera stagione termica, con l’obiettivo di ridurre i consumi e prolungare il benefico effetto dello spegnimento degli impianti durante il weekend. Nel giorno di chiusura i dipendenti potranno lavorare, a libera scelta, in altre sedi comunali, dove si stanno potenziando le postazioni di nearworking, in smartworking, o attraverso altre tipologie di orario.

SENSIBILIZZAZIONE Palazzo Marino ha avviato anche una campagna informativa rivolta a cittadini e liberi professionisti per «l’adozione di pratiche e stili di vita sostenibili e l’uso intelligente delle fonti di energia». I “consigli” saranno diffusi tramite i social istituzionali.


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 26 Ottobre 2022, 06:30
© RIPRODUZIONE RISERVATA