Milano, sparatoria in strada a San Siro: 51enne in manette

L'uomo aveva aperto il fuoco in piazza Monte Falterona

Video

E' stato fermato dalla polizia l'autore del tentato omicidio con esplosione di colpi d'arma da fuoco avvenuto la sera dell'8 gennaio scorso in piazza Monte Falterona a San Siro. L'uomo sottoposto a fermo, C.T. di 51 anni, già noto alle forze dell'ordine , è accusato di essere il responsabile del pesante ferimento di un giovane egiziano di 26 anni, colpito alla zona femorale e ricoverato d'urgenza all'Ospedale San Carlo, al culmine di una pericolosa sparatoria avvenuta intorno alle 20 alla presenza di un folto numero di persone che si trovavano in strada.

 

 

Le indagini, condotte dagli agenti della seconda sezione della Squadra Mobile di Milano, hanno consentito di accertare gravi indizi di colpevolezza sul conto dell'indagato che, dopo aver sparato diversi colpi ad altezza uomo, è fuggito a bordo di una vettura utilitaria insieme a due complici, sottraendosi dunque alle ricerche e rendendosi immediatamente irreperibile.

 

Le telecamere di videosorveglianza pubbliche e private e le testimonianze di alcuni tra i presenti in piazza Monte Falterona sono risultate preziose agli investigatori che, all'esito di una accurata attività investigativa sviluppata con metodi tradizionali, hanno chiuso il cerchio attorno a C.T., rintracciandolo venerdì scorso in un appartamento in zona Isola, a Milano, ospite di un amico (M.V. 59 anni) che, per averlo aiutato nel suo stato di irreperibilità, è stato indagato per favoreggiamento personale. Sono in corso ulteriori approfondimenti investigativi, coordinati dal Pubblico Ministero titolare delle indagini, necessari per definire il contesto in cui è maturato il tentato omicidio in piazza Monte Falterona, verosimilmente riconducibile a un conflitto legato allo spaccio di stupefacente, tra gruppi contrapposti che frequentano quel quartiere della zona San Siro.


Ultimo aggiornamento: Domenica 16 Gennaio 2022, 11:51
© RIPRODUZIONE RISERVATA