Milano, si fingeva una ragazzina per adescare minorenni: 48enne punito con la condanna più alta di sempre per pedofilia

Milano, si fingeva una ragazzina per adescare minorenni: 48enne punito con la condanna più alta di sempre per pedofilia

Un 48enne della provincia di Lodi, accusato di pedofilia, è stato condannato dalla Corte d'Appello di Milano a 19 anni di reclusione. Si tratta della condanna più alta di sempre in Italia per un reato del genere.

Leggi anche > Si tuffa in acqua e viene stroncato da un malore: Nicola muore in spiaggia a 65 anni

L'uomo, come emerso dalle indagini del procuratore aggiunto milanese Letizia Mannella e del pm Alessia Menegazzo, per «5 anni» si era finto una ragazzina e si era dato un soprannome 'Giulia la malvagia' per poter adescare via WhatsApp e poi abusare di tre minorenni tra gli undici e i tredici anni, di cui era vicino di casa. La sentenza di primo grado era stata emessa dal Tribunale di Lodi lo scorso ottobre. La sua è una «personalità » estremamente «negativa», avevano scritto i giudici nelle motivazioni, «caratterizzata da tratti di malvagità ed assenza di scrupoli», tesa «costantemente» al «soddisfacimento delle proprie pulsioni sessuali» e «priva di qualsivoglia spirito di umanità nei confronti della sofferenza delle ragazzine di cui aveva abusato».

Leggi anche > Covid, rave party con 700 no mask nel lodigiano: «Ubriachi e drogati». Nel paese c'è un focolaio di variante Delta

Il verdetto è stato confermato dalla terza penale d'appello (presidente del collegio Renata Peragallo). Disoccupato e residente nel Lodigiano, l'uomo era stato arrestato dai carabinieri nel giugno del 2019 con le accuse di violenza sessuale, corruzione di minori, sostituzione di persona e produzione e detenzione di materiale pedopornografico. A far scattare l'inchiesta era stata la foto di una delle vittime che l'uomo aveva pubblicato su Instagram per minacciarle di diffondere le immagini che aveva su di loro se avessero parlato.

Leggi anche > Orlando, suicida a Torino a 18 anni. La mamma: «Era oppresso, non depresso. Devono pagare per quello che hanno fatto». Si indaga per omofobia

«Emblematiche», hanno scritto i giudici di primo grado (Giuseppe Pighi, Sara Faldini e Ivonne Calderon), erano le «frequenti richieste di aiuto» delle ragazzine «davanti ai supposti malefici» di cui lui le minacciava, prospettando anche «come risposta» altri «nuovi e perversi atti sessuali spacciati come interventi di soccorso».


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 30 Giugno 2021, 12:55
© RIPRODUZIONE RISERVATA