La città dedica una piazza a Piersanti Mattarella, ucciso dalla mafia nel 1980. Sarà in Moscova

Milano dedica una piazza a Piersanti Mattarella, ucciso dalla mafia nel 1980. Sarà in Moscova

Milano dedicherà una piazza a Piersanti Mattarella, ex presidente della Regione Sicilia e fratello dell'attuale presidente delle Repubblica Sergio Mattarella, assassinato dalla mafia in un attentato avvenuto a Palermo nel gennaio del 1980.

Lo ha stabilito la giunta  su proposta dell'assessore alla Cultura, Filippo Del Corno. La piazza si trova, come spiega la delibera pubblicata sull'albo pretorio del Comune, in via della Moscova a pochi passi dalla caserma dei carabinieri, tra i numeri civici 26 e 28. Un luogo ritenuto adeguato da Palazzo Marino «anche per la sua centralità, ad attestare la ferma volontà di contrasto a tutte le mafie da parte di questa amministrazione», come si legge nel documento.

La delibera ripercorre la vita politica di Piersanti Mattarella che «da presidente della Regione disse cose scomode contro Cosa Nostra e si mostrò decisionista: in poche settimane fece approvare riforme del governo regionale in direzione della trasparenza. Ma è sul fronte degli appalti e dell'urbanistica che si alzò il livello dello scontro: la giunta Mattarella riuscì a comprimere gli spazi della speculazione edilizia nelle aree del 'verde agricolò bloccando gli interessi di mafiosi e palazzinari insieme a quelli di una certa politica che su quegli interessi aveva costruito consensi».

Fino al suo omicidio a Palermo, il 6 gennaio 1980, «a colpi di pistola mentre era in auto e si stava recando a messa con moglie e figli». 


Ultimo aggiornamento: Giovedì 8 Aprile 2021, 20:55
© RIPRODUZIONE RISERVATA