Ruote più larghe, pedane più corte: svolta sicurezza per i monopattini a Milano

Ruote più larghe, pedane più corte: svolta sicurezza per i monopattini a Milano

di Simona Romanò

Svolta sicurezza per i monopattini in sharing. Le pedane, a Milano, cambiano forma e saranno super accessoriate per garantire viaggi più sicuri, Inoltre, scattano gli sconti del 20% «se la metti al posto giusto», così da arginare il parcheggio selvaggio. I sette operatori in campo - Bird, Bit, Dott, Helbiz, Lime, Tier,  Voi – che  mettono a disposizione, in totale, una flotta di 5.250 mezzi  (8.609 noleggi giornalieri, della durata media di 12 minuti per percorrere circa un chilometro e mezzo), si stanno mobilitando per rilanciare l’immagine dei monopattini, che sono un po’ diventati le “pecore nere” delle micromobilità.  La colpa è dell’aumento di incidenti che vede coinvolti i monopattinisti, sempre più additati come indisciplinati e spregiudicati.

RESTYLING FLOTTA. Le società di noleggio vogliono migliorare le caratteristiche tecniche delle flotte. Dott, per esempio, lancia un nuovo modello con ruote da circa 30 centimetri di diametro e, quindi, non più le ruotine che possono facilmente incastrarsi nelle insidiosi buche o crepe, provocando paurosi capitomboli; poi, gli sbalzi del manto stradale, spesso sconnesso, sono attutiti da un doppio ammortizzatore; sul manubrio è collocato un  portacellulare, così gli utenti controlleranno eventualmente i percorsi non staccando le mani dalle manopole. La rivoluzione più importante riguarda la forma della pedana: è più larga per essere più stabile  ed è accorciata, così da impedire i viaggi in due, che sono vietati, ma paiono essere una moda irresistibile. Infine, l’azienda dota i mezzi di frecce. E ancora: Helbiz irrobustisce il parafango, Bird inserisce delle spie, come quelle delle macchine, che avvertono quando il mezzo sta perdendo aderenza con l’asfalto.

SICUREZZA. È certo che le pedane elettriche, equiparate alle bici, sono tra le protagoniste della mobilità post Covid ma  dividono l’opinione pubblica, tra chi li vede in modo favorevole per gli spostamenti cittadini e chi ne mette in risalto soprattutto la pericolosità: secondo l’ultima indagine dell’Aci, a Milano, ogni giorno, si registrano oltre due feriti stradali, che si fanno male mentre sono in equilibrio su un monopattino  e che hanno bisogno dell’ambulanza. Anche Amat (l’Agenzia mobilità ambiente e territorio del Comune) mira a disciplinarne l’uso, sensibilizzando i fruitori su alcuni temi estremamente caldi, tra cui i posteggi selvaggi. Perché è facile vedere, soprattutto in centro, una selva di pedane  gettate sul marciapiede, benché sia proibito.

PARCHEGGI “GIUSTI”.  Helbiz lancia, da giovedì 23, lo sconto del 20% sulla corsa a chi posteggia nel rispetto delle regole. L’app illustra dov’è corretto lasciare la pedana, senza il rischio di prendere la multa o di vederla sequestrare dai vigili. L’operatore, grazie all’elevata  tecnologia, è in grado di monitorare, in tempo reale, la posizione del monopattino noleggiato  e di applicare l’eventuale bonus.


Ultimo aggiornamento: Venerdì 1 Luglio 2022, 19:05
© RIPRODUZIONE RISERVATA