Bisconti di MilanoSport: «Non solo nuoto, per ripartire anche ombrelloni e ginnastica»
di Simona Romanò

Bisconti di MilanoSport: «Non solo nuoto, per ripartire anche ombrelloni e ginnastica»

Un tuffo in piscina in totale sicurezza. Il caldo estivo si fa ancora attendere ma, dopo un inverno di rinunce per il Covid, c’è voglia di una nuotata, di sport, di trascorre del tempo sotto il sole primaverile. Tutti desideri che sono realizzabili a breve, perché riaprono le piscine di Milanosport, anche se per il momento solo quelle all’aperto, da vivere nel rispetto delle norme anti-contagio. Tutti distanziati, con addosso costume e mascherina. Il governo ha dato via libera da domani, a Milano si parte sabato 22.

Chiara Bisconti, presidente di Milanosport, come sarà la corsa verso la normalità?

«Premetto che non sarà una corsa. Stiamo infatti programmando una ripartenza scaglionata, perché le riaperture sono onerose. Il nostro obiettivo è quello di un’estate con le piscine comunali che si reinventano e attrezzano i giardini con gli ombrelloni come al mare. Per poi arrivare a settembre con tutti i nostri 24 impianti attivi, a disposizione dei milanesi».

Quali sono le principali novità?

«Oltre ai corsi tradizionali di nuoto, che quest’anno non si fermeranno a giugno, proponiamo nuove attività, come il fitness acquatico per recuperare la forma fisica, dopo tutti questi mesi di sedentarietà; e la ginnastica fuori dall’acqua, a “secco”, nei giardini».

Con che spirito affrontate le riaperture?

«Non vediamo l’ora di ripartire e lo spirito è quello di offrire occasioni di socialità in un periodo segnato da tante difficoltà. Abbiamo la fortuna che molte nostre piscine sono circondate da grandissimi parchi che possiamo sfruttare al meglio, così com’è accaduto l’anno scorso: saranno ripuliti e arredati con lettini e ombrelloni, ovviamente nel rispetto delle norme anti-virus. E possiamo contare anche sul nuovo centro sportivo Parri Mengoni a Bisceglie, prossimo all’inaugurazione, con tanto verde da dedicare al solarium estivo».

Le piscine modificheranno la loro natura?

«Ci adattiamo alle nuove esigenze e le trasformeremo, come la scorsa estate, in piacevoli mini centri balneari con ampi spazi all’aperto. Così da essere punti di ritrovo sicuri con “turni” di mezza giornata, all’insegna del sole e dello sport, soprattutto per coloro che non andranno in ferie».

Persone contingentate?

«I protocolli anti-Covid li abbiamo già sperimentati e funzionano, perché gli utenti sono molto disciplinati. Niente folla o assembramenti. Niente fila per entrare, ma possibilità di accesso direttamente al giardino. Per questo riproponiamo la prenotazione on-line, non obbligatoria, ma consigliata: se la capienza è già massima il sito di Milanosport dirotta la persona verso un impianto più vuoto».


Ultimo aggiornamento: Sabato 15 Maggio 2021, 09:26
© RIPRODUZIONE RISERVATA