La scuola è chiusa ma la fornitura di mascherine non si ferma. La preside: «Ne abbiamo 35mila, datele a chi ne ha bisogno»
di Nico Riva

La scuola è chiusa ma la fornitura di mascherine non si ferma. La preside: «Ne abbiamo 35mila, datele a chi ne ha bisogno»

La didattica a distanza non ferma l'arrivo di migliaia di mascherine chirurgiche. La preside di un liceo milanese denuncia su Facebook, con tanto di foto, la distribuzione ormai inutile dei dispositivi di sicurezza per scuole che sono chiuse e studenti costretti a casa. «Continuano ad arrivare forniture di mascherine. Abbiamo un deposito di oltre 35 mila pezzi ma... sapranno che i ragazzi dal 26 sono a casa?» scrive la dirigente scolastica dell'istituto scientifico Bottoni di Milano. 

 

Leggi anche > Scuola, da domani 362 mila prof da remoto per 4 milioni di studenti

 

31 di scatoloni, contenenti ognuno 500 mascherine, per un totale di oltre 15mila dispositivi di sicurezza anticontagio. Ogni mattina le mascherine venivano distribuite agli alunni e agli insegnanti. Ma sebbene l'ordinanza della Regione Lombardia abbia imposto la DaD per le superiori, le mascherine continuano ad arrivare senza sosta. 

 

Intervistata da Repubblica, la preside del Bottoni, Giovanna Mezzatesta, denuncia: «Come se nulla fosse, i dispositivi di protezione continuano ad arrivare e se qui non sappiamo più dove metterli, chi ne ha realmente bisogno non li ha. Ho pensato: non avranno sicuramente avuto il tempo di bloccare le consegne». 

 

«Lasciando perdere la qualità e come sono fatte, una volta a mutanda, un'altra a doppia fascia, qualcuno mi dice cosa ce ne facciamo oggi di 35 mila mascherine ammassate qui, solo nella mia scuola? Di certo non possono essere numeri tarati sugli insegnanti: ne abbiamo cinquanta», prosegue la dirigente a metà fra stupore e indignazione. «In questo preciso momento ci sono ospedali, medici di famiglia, che se le devono andare a comprare su Amazon perché non ne hanno. Bisognerebbe ragionare per priorità. E vederle qui, inutilizzate, lo trovo uno spreco indecoroso», ha concluso senza giri di parole.


Ultimo aggiornamento: Martedì 10 Novembre 2020, 14:52
© RIPRODUZIONE RISERVATA